E’ TUTT’UN TWEET 13: BARCELLONA 3 – MILAN 1

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #BarcellonaMilan #BarçaMilan

– Balotelli out per scelta tecnica: “Raiola Macht Frei

– Gioca Forrest Gump Emanuelson al posto di Tapiro Nero Constant

– Barbarella e Galliani come MILF e Cuckold

– Ci stanno leggermente sotterrando

– Neymar merita di essere ucciso a scarpate nei denti

– Muntari in campo? Strano…

– “Temo Iniesta più della tempesta

– Primo postulato del Campnou: “se non c’è fallo per il Barça, inventalo

– No beh dai, ormai Abbiati è surreale

– “Mexes e l’arte delle rovesciate a cazzo

– Secondo postulato del CampNou: “ogni volta che il Barça incontra il Milan ha un rigore inventato a favore

– Scoperto il motivo del perché bagnano il CampNou: per far tuffare meglio Neymar

– Abbiamo preso un gol di testa da punizione? Stranissimo…

– Questa volta l’aggravante è che abbiamo fatto segnare di testa un nanazzo di merda

– Rigore inventato e gol in fuorigioco. Mi vanno bene se si fa scambio con la morte immediata di Neymar

– Vaffanculo, nani dopati di merda!! 2-1

– Rigori inventati, gol in fuorigioco e autogol. Non ci facciamo mancare nulla

– Balotelli sembra volenteroso

– Gol in fuorigioco del Barça, stranamente annullato…

– Zapata stasera è così lento perché trasporta nello stomaco 180 ovuli di coca

– Uh, Abbiati salva la porta

– Neymar deve finire i suoi giorni mangiando il brodo col culo

– Fuori Poli, dentro il futuro pallone d’oro Birsa

– Buffone! Stronzo! Cagacazzo! Neymar, ti deve esplodere il culo

– Messi che all’82º corre il triplo di Bolt. Sicuri che fosse ormone della crescita?

– Pedro è la tipica personcina che useresti come manichino per il crash-test

– Finita. 3-1. Giusto così, ci han presi a pallate. Detto questo, spero che Barcellona sparisca in un terremoto

 

milan, Barcellona, sconfitta, champions league, messi, neymar testa di cazzo

E’ TUTT’UN TWEET 11: PARMA 3 – MILAN 2

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #ParmaMilan

– Parma-Milan al pub, insolitamente farcito di rossoneri

– Gabriel titolare assieme a “suo fìlio”

– Attacco con il “Bi-Ba-Ro

– Pressing furibondo del Parma

– Senza kakà in campo, robinho è tornato il solito trottolino che noi tutti amiamo

– Complimenti vivissimi a Constant e alla ignoranza calcistica di Zapata. 1-0 ducali.

– Zapata sembra la madonna nera di Medjiugorje: immobile e piangente

– “Parolo, Parolo, Parolo…” è già stata detta?

– I cross di Abate resteranno per me un mistero incomprensibile

– Il fraseggio Robinho-Abate dovrebbe essere vietato dalla Convenzione di Ginevra

– I nostri son talmente apatici che sembrano arrivati direttamente dalla Leopolda

– Peccato. Grande uno-due tra Poli e Birsa, tiro a lato di pochissimo

– Gran tuffo del Balo, coefficiente 3.1. L’arbitro non coglie l’ironia

– E la legge dell’ex arriva a compimento: stessa identica azione del primo gol, solo che stavolta parolo offre a Cassano il 2-0

– Ah beh, ma a gennaio arriverà Honda che…

– Dovrebbero entrare Matri e Kakà. Kakà terzino sinistro al posto di Constant, presumo

– Cosa devono fare ancora i nostri per far peggio di così? Cagarsi addosso in pubblico?

– Fuori Poli? Robinho ancora in campo? Bah. O mi fanno doppietta Matri (Balo inguardabile oggi) e Binho, o questa è una cazzata

– A sto punto mi aspetto che allegri tolga De Jong e metta Niang. E poi, con uno scolapasta in testa, caghi a centrocampo

– Il Parma ci sta “ischerzando” con una facilità imbarazzante. E tutto ciò è meritato, intendiamoci

– Matri che segna con la maglia del Milan. Ormai siamo al “vale tutto”

– Ho visto, nell’ordine: tacco di Matri, traversa di Zapata, gol di Silvestre. Sto udendo un lontano rumore di trombe…

– Sul tiro fuori di Montolivo inquadrano in tribuna il presidente del Parma, Jabba the Hutt

– Questo pugno di Gabriel ha resettato Cassano: ora si esprime in italiano fluentissimo

– Kakà cerca sempre il tunnel al portiere. E Mirante lo sa

– Entra Saponara. Se per caso dovesse segnare…

– Ma perché farla tirare a Birsa che è completamente senza forze?

– Constant suggella la sua partita sontuosa con una cazzata paurosa. Grandissimo salvataggio di Gabriel.

– Purtroppo Gabriel

– Barriera di due uomini. Che si aprono. E lasciano passare il pallone. Bye bye allegri?

 

Milan, Parma, sconfitta, allegri, matri, balotelli

E’ TUTT’UN TWEET 08: JUVE 3 – MILAN 2

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #JuveMilan

– Stasera NO a sky a casa, si a MP al pub. Con gli amici. Juventini. E un doriano.

– In vantaggio con MUNTARI dopo 20 secondi. Lost ci fa un pippone.

– Sicuri che fosse gol quello di Muntari?

– Quagliarella si mangia un gol pauroso. Asamoah invece cerca un’altra via: abbattere abbiati a pallonate.

– Siamo in zona Pirlo.

– E infatti ci punisce. Forti dubbi sul fallo che ha generato la punizione: forse c’era.

– Abbiati ha un delta visivo di 2 gradi: basta tirargli mezzo metro a destra o a sinistra e il gioco è fatto.

– «nano del circo, robinho nano del circo. Nano del ciiircoooo, robinho naaano del ciiiircooooooo»

– Zapata che va al tiro da fuori e impegna buffon in angolo. In che mondo parallelo siamo?

– Abate e i cross: una torbida storiaccia di eros e thanatos.

– Sportivissimo Marchisio: cerca di uccidere Abate a calci.

– «partita maschia» è già stata detta?

– Primo tempo in parità sull’1-1. Ora vediamo se riusciamo a rovinare tutto.

– Montolivo centralissimo da fuori. Riccardo, in quella porta non c’è Abbiati. C’era, una volta.

– Pugno della barbie bionda a chiellini. Poi lo bulleggia senza fine.

– In tutto questo mi son perso l’errore di Robinho davanti al portiere. Scusate, è l’abitudine.

– Ma questo De Jong. Parliamone.

– Ma Matri non potrebbe rendersi utile perlomeno finendo il lavoro iniziato poco fa da Mexes?

– La sicurezza di Abbiati mi fa vivere sereno.

– Noi soffriamo tantissimo i nani da circo.

– Mexes è uno spettacolo. Davvero.

– Prendere gol da Joe Vinco è quasi come prendere gol da Schelotto.

– E Mexes pone fine alla sua strepitosa partita. Peccato.

– Niang + Robinho = antimateria.

– Questo è uno schema provato e riprovato in allenamento. 3-1 juve.

– Tranquilli, ci pensa zaccardo.

– Non capisco perché Allegri non voglia giocarsi la carta Matri in questo finale di partita.

– Perché Poli? Non é meglio Emanuelson? Così, tanto per buttarla in vacca…

– La nostra rovina è stato il gol fatto a freddo. Ha rovinato i piani di Allegri.

– Addirittura doppietta di Muntari? No, c’è qualcosa che non va.

– Muntari su Giovinco: scatta l’avviso di garanzia per abuso su minori.

– Non c’è più tempo. Finita. Gobbiladri battono Inguardabili 3-2.

– «la classifica non mentisce» [Radio2 Rai, ore 22.50]

– Chiellini che parla di sportività è come il papa che parla di gnocca.

 

Milan, juve, sconfitta, mexes, pirlo, allegri

E’ TUTT’UN TWEET 05: MILAN 1 – NAPOLI 2

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #MilanNapoli

– Manca poco a #MilanNapoli e già fremo. Senza motivo.

– Cos’è ‘sta minchiata dei vessilli coi nomi dei milanisti? Sembra una processione funebre.

– “Catarro Armato” nello spogliatoio del Napoli

– Birsa e Balotelli dietro a Matri. Sperém.

– Ahahahah Mexes è già a metà campo a farsi saltare dopo 40 secondi di gara. Ha la cazzata in canna, me lo sento.

– Dove passa Abate, appassisce l’erba. Anche se sintetica.

– Prima azione pericolosa per il Napoli. Insigne per Behrami che spara alto, bontà sua, da pochi metri.

– Higuain mi fa cagare addosso per un tiro che fa la barba al palo. Zapata ancora di più per la minchiata sul disimpegno.

– Toh, prendiamo gol di testa da palla inattiva. Strano. 1-0 Napoli.

– Reina si dimostra un portiere vero su saracca di Balotelli. Poi Birsa si tuffa, ma è ancora troppo presto per il bonus-rigore.

– Grande punizia di Balotelli, fuori di poco.

– Di nuovo Balotelli da centroarea, ma debole. Reina c’è, purtroppo.

– Qualcuno alla stadio ha mangiato pesante, a giudicare dalle bombe che si sentono ogni tanto.

– Un po’ troppo leggerino ‘sto Birsa. È sempre per le terre.

– A Mesto devono aver tagliato i capelli al buio.

– C’è di buono che perlomeno ci proviamo.

– Alle parole «imposta Muntari» mi è esploso il televisore.

– Balotelli al volo su corner di Birsa. Palla alle stelle. Siamo volitivi ma poco concreti.

– Niente. Pare che l’arma letale Emanuelsson non stia funzionando a dovere.

– Balotelli cerca di staccare la testa ad Albiol con un roundhouse kick. Chuck Norris approva con ampi cenni del capo.

– Fine primo tempo. 1-0 Napoli. Mah.

– Non so se mi faccia più incazzare il gol del Napoli o il +16 della Francia sulla Lituania nella finale degli europei di basket.

– Siam pericolosi su corner! Peccato che ci sia Mexes a pigliare il corner di Birsa.

– E Higuaín ci punisce con una grandissima giocata: resiste a De Jong e spara una bomba rasoterra. Abbiati mona. 2-0 Napoli.

– Ahahahahah rigore Milan. E Reina para il rigore a Balotelli. La differenza tra l’avere un portiere vero ed uno farlocco.

– Finalmente Balotelli ha sbagliato un rigore: non se ne poteva più della manfrina dell’infallibilità dal dischetto.

– Mi sono accorto solo ora della presenza di Robinho in campo, dopo 10 minuti. Indubbiamente un grande impatto sul match.

– Niente, a Balotelli stasera va male tutto. Pure la traversa ora.

– Entra Niang al posto di Poli. Siamo all’assalto all’arma bianca.

– Reina all’antidoping.

– Alziamo il tasso tecnico: entra Nocerinho.

– UN rigore a partita, UNO. Di più non si può.

– Ho visto cose che voi umani non potete neanche immaginare: difese a tre con Emanuelson balenare al largo dei bastioni di S.Siro.

– Visto solo ora: Matri si sostituisce a Reina nel ribattere un tiro di Niang. 11 milioni spesi benissimo.

– In questo momento sento fortissima la mancanza di Traoré.

– Ora Mexés è pure capace di piazzarla di destro a giro, su…

– Gran gol di Balotelli, questo si di destro a giro. Se lo meritava il gol, sono serio. É l’unico che stasera si è sbattuto.

– Non è un po’ troppo tardi svegliarsi al terzo di recupero?

– Finita. 2-1 Napoli. Perlomeno stasera qualcuno ha dimostrato di avere cuore e carattere. Fossero così tutti e 11, vinceremmo.

– Balotelli che si fa espellere a partita finita, un genio.

– Comunque, come pastura calcio Niang non c’è nessuno.

Milan, Napoli, sconfitta, Balotelli, rigore

E TUTT’UN TWEET 01: VERONA 2 – MILAN 1

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] :

– Pardo che si gioca la #fatalverona già dopo nemmeno tre minuti di telecronaca. Paura

– le sparo subito, così son fuori di un pensiero: #fatalverona #veronamilan #balotelli #tosi #razzismo #salcazzovolante

– Milan in maglia bianca, veronesi con quella del Parma

– ah, le chiusure alla cazzo di Zapata. quanto mi sono mancate. E’ sempre bello sapere che le buone abitudini non muoiono mai

– Rafael, eccheccazzo…

– Mandorlini ha la faccia di uno che ha appena finito di lottare col cuscino

– POLI!!! Sempre detto io che il vittoriese è un grande…

– grande Poli, ma si sa che da sempre l’uomo è Cacciatore

– e adesso tutti arroccati in difesa a guardia del golletto, eh, mi raccomando…

– Abate ha già raggiunto la quota “cross giusti” per la stagione 2013/14

– ha preso più falli Balotelli in 20 minuti di gara che Sasha Gray in tre mesi di riprese

– dai arbitro, fischiaci questo rigore a favore e facciamola finita

– Montolivo non fa per nulla rimpiangere Pirlo in quanto a palloni sanguinolenti persi nella nostra trequarti

– ma come? non li avevano aboliti i corner contro il Milan?

– altro gol preso da palla ferma. ah, le belle certezze di una volta…

– «e mi e ti e Toni…»

– è chiaro a tutti che il pensiero rossonero è rivolto al ritorno contro il PSV

– in questo momento al supervertice pdl ad #arcore non si sta parlando d’altro che della marcatura di Constant su Toni

– massì, cosa cazzo ci serve un portiere a noi…

­- «quella sua Maietta fina» è già stata detta?

– si vabbè, ciao. Doppietta di Toni. Di testa. Siamo i migliori nel far resuscitare i morti.

– cosa può succederci ancora di peggio? Che entri Robinho al posto di El Shaarawy?

– riusciamo a prendere contropiede anche a difesa schierata. grandi.

#Pignatone fa subito vedere di che pasta è fatto: colpo di testa lolloso su un cross assurdo di Abate

– ma perché non facciamo entrare Traoré al posto di Poli? Tanto ormai, è tutto così surreale…

– ah beh, dopo la meravigliosa stagione che si prospetta vado a sottoscrivere di corsa l’offertona di @SkySports

– e la saga dei “portieri che fanno i miracoli contro di noi” continua con la new entry Rafael

– massì Mario, fatti buttar fuori. Sarebbe la prima roba giusta che fai in partita.

– fanno talmente cagare che mi fan rivalutare Robinho come giocatore. Li odio

– persa la prima per 2-1. La stagione promette benissimo

Milan, Verona, sconfitta, twitter

LA MIA SUL DERBY

Poca roba, veloce veloce.

1) ABBIAMO GIOCATO (DISCRETAMENTE) BENE
Abbiamo retto, questo sì. Dopo il gol preso a bruciapelo – e dopo l’immane cagata di Abbiati su Milito – ho pensato: «perfetto, buttata in vacca anche quest’anno». Invece no. Abbiamo reagito da squadra e abbiamo creato tante occasioni.
Solo la scarsa mira e un pizzico di sfortuna vestita di giallo non ci ha permesso di pervenire quantomeno al pareggio.

2) CREARE OCCASIONI NON BASTA
Abbiamo creato tanto, dicevo. Ma creare e basta non dà punti in classifica. Purtroppo abbiamo visto che il livello dei nostri è quello che è. Abbiamo giocato bene, ribadisco. Ma temo che questo sia il punto più alto al quale possiamo arrivare.
Avessimo avuto ancora i due parigini, sarebbe finita 4-0 senza problemi. Se l’Inter avesse giocato così, con quello spumeggiante 9-1-0 (8-1-0 dopo la dipartita di Nagatomo) che tanto fa sognare le platee.
Ma molto probabilmente l’Inter avrebbe fatto tutt’altra partita. E a loro mancavano Sneijder e qualche altro tizio.
Purtroppo per noi i due non ci sono più e, nonostante le dichiarazioni di Galliani, finalmente è palese A TUTTI che il livello tecnico della nostra rosa è squallidamente basso.

3) BUCHI PREOCCUPANTI
Se pigliamo una caterva di gol da calcio piazzato, non è colpa solo dei nani in campo. I nani in campo li devi allenare, fargli imparare schemi tattici da seguire in queste situazioni.
Ma, si è visto, ora come ora i nanazzi in campo brancolano nel buio quando gli altri calciano una punizione o un corner perché nessuno ha mai detto loro dove posizionarsi.
Non abbiamo più i due parigini a prenderle di testa sempre e comunque. Quindi, caro Allegri, inventati qualcosa per far finire questa morìa di gol subiti da palle inattive. Ché francamente mi sarei pure rotto i coglioni.
Ah, avrei pure una domanda da farti: perché ti ostini a far giocare Boateng pure se attraversa un imbarazzante stato di forma?

4) ARBITRAGGIO
Orrendo quanto si vuole, ma non si può prendere come unico pretesto per la sconfitta. Fa girare le palle, e tanto, e c’è il sospetto di scientifica malafede, ma ora come ora è necessario sopportare, lavorare duro e risalire la china.
Se ne riparlerà, eventualmente, a fine campionato.

5) CURVA SUD
ROTFL!
Pagliacci.

Milan, derby, sconfitta

«IL FATTORE CAMPO» OVVERO «DEL PERCHE’ CI SI CAGA ADDOSSO SEMPRE E COMUNQUE»

Approfittando della pausa per la Nazionale speravo che i rossoneri acquistassero qualcosina in fiducia e conoscenza reciproca.
Infatti.

Reduci da una sculata mirabolante in quel di Bologna, sabato sera l’abbiamo purgata e anche male.
Sconfitta in casa 1-0 contro un’Atalanta che, da tradizione, parte sempre forte mentre noi, sempre da tradizione, partiamo sempre di merda.

(che poi Allegri me la deve spiegare sta roba qua: è mai possibile fare una preparazione come gli altri? Che cazzo serve entrare in forma a marzo quando saremo già a -30 dalla vetta e fuori anche dalla Europa League?)

Ciò che mi ha fatto più male ieri sera è vedere che sono i giocatori stessi a non credere nei loro mezzi, a rassegnarsi ad un campionato di sofferenza, a prendere come ineluttabili colossali figure di palta – senza così minimamente provare a metterci grinta, rabbia e coglioni. Tanto alla fine i soldi, le creste e le fighe non glieli tolgono nessuno.

Allegri giustamente sottolinea questo problema legato alla sbagliata mentalità. Ok. Però, una domanda: chi è l’incaricato a ribaltare l’abisso psicologico negativo e infondere fiducia all’ambiente?
L’allenatore, giustissimo.

Quindi, caro Allegri: cosa cazzo stai facendo per ovviare a ciò?

Guarda, non sto a sindacare le scelte tecniche
(perché De Sciglio – che nelle prime due partite ha la percentuale più elevata di cross e corner andati a segno di tutta la serie A – non è titolare fisso? Perché tenere Flamini fuori e far giocare un De Jong spaesatissimo e fuori ruolo? Perché non considerare minimamente Zapata? Perché siamo passati da Nesta – Thiagone ad Acerbi – Bonera come coppia centrale e non si fa nulla per dar loro copertura? Perché incaponirsi su quel cazzo di modulo anche se le cose vanno male e, piuttosto che variare modulo, si snaturano i giocatori e li si fa giocare fuori ruolo? Ma soprattutto, perché quella merda di Antonini è ancora vivo pur sapendo che non è buono nemmeno per farci il brasato?) ma principalmente quelle umane: perché cazzo per una volta nella vita non ti togli dalla faccia quell’espressione da “macheccazzomenefregaametantomipaganolostesso” e in spogliatoio non tieni rinchiusi i tuoi e fai crollare i muri a suon di urla e bestemmie?

Un dato di fatto: i senatori non ci sono più. E per “senatori” intendo quelli con una certa testa, un certo cuore, un certo coraggio, una certa dignità, un certo attaccamento alla professione, un certo attaccamento alla maglia.

No. Ora tu hai in mano un branco di pocopiùcheventenni che «non ti hanno neanche per il culo». Con questa gente ci vuole il pugno di ferro se si vuole che crescano. Il tuo compito adesso – dato che per te i “campioni” erano scomodi, anche se ti han portato in dote uno scudetto – è quello di far crescere in fretta un gruppo di calciatori e farlo diventare un gruppo di uomini.

I muscoli servono solo per essere calciatori: per essere campioni ci vuole anche la testa.

Ma per essere anche degli uomini occorre una guida.

Milan, atalanta, crisi, sconfitta, allegri

BUONA LA PRIMA

Perdere 1-0 in casa contro una Sampdoria non proprio irresistibile è sintomatico della situazione in cui siamo.

Non sono uno di quelli che vorrebbe buttare al macero tutto e tutti, né un bandanato che supporta sempre e comunque la squadra e si appella alla malasorte dei due pali presi per giustificare la non-vittoria.

Cercherò di essere realista, e il realismo mi dice che così conciati non si va da nessuna parte. I problemi sono tanti e, purtroppo, non facilmente risolvibili.

1) MILAN LAB
Si, è ancora in piedi. Non è stato ancora raso al suolo. Ultima vittima in ordine di tempo: Zapata. Problema all’adduttore. Esattamente come Pato. Deduco quindi che non è un problema di contrasti di gioco, ma un infortunio comune.
Anche Robinho in partita si è fermato a toccarsi il muscolo suddetto, e non è colpa del terreno di San Siro perché adesso è misto-sintetico. La causa è da imputarsi anche al punto 2.

2) ALLEGRI
Sì, lui. Non solo perché in 3 anni non ha ancora dato uno straccio di gioco alla squadra, ma anche e soprattutto per la preparazione atletica demenziale a cui sottopone i nostri con la complicità degli incamiciati di Milan Lab.
La cronica “partenza a rilento” è un problema serio, perché con l’andare della stagione dovremmo rincorrere aumentando i carichi e sottoponendo i nostri a maggior rischio infortuni e bla bla bla…

3) GALLIANI
«abbiamo 5 centrali difensivi e 5 laterali, percui siamo appostissimo così» dice Galliani.
Certo. Peccato che su 10 giocatori 9 facciano cagare a spruzzo e non sarebbero titolari nemmeno in serie b (salvo solo De Sciglio perché ha dalla sua l’incognita dell’essere tanto giovane).
Vedere la nostra difesa venir impallinata ad ogni discesa blucerchiata mi faceva salire l’ansia.
Non ce la faccio a resistere un anno così.

4) CURVA SUD
La peggior tifoseria della galassia. A quest’ora dei tifosi seri sarebbero sotto la sede a fare un casino della madonna, altro che esporre striscioni del cazzo tipo «il 31 agosto aspettiamo fiduciosi» o il demenziale «Nelle difficoltà si vede il vero tifoso sui 72 rimborsati stendiamo un velo pietoso».
Ma andate a fare in culo, pezzenti venduti.

5) MENTALITA’ DEI GIOCATORI
Perdono più tempo a farsi le creste che non ad allenarsi, sti quattro stronzi. El Shaarawy – uno che non ha mai vinto un cazzo in vita sua – che si permette pure di fare il broncio per la sostituzione dopo aver fatto una partita da sbocco; Boateng che sembra un malato di mente, fuori condizione e con gli scarpini rovesci; Robinho che si incasina da solo ogni volta che deve tirare.
Aveva proprio ragione il vecchio Rino Gattuso: con questi giovinastri non andremo da nessuna parte.

Non mi incazzo con i nuovi acquisti proprio perché sono appunto nuovi. Ma un giocatore di spessore lo si vede già da subito. Darò loro tempo 3, massimo 4 partite prima di scagliarmi come una furia.

Sempre che io riesca a resistere, per 4 partite.

milan, samp, sconfitta, vergogna

MEGLIO COSI’

Non meritavamo di vincere – rigore francamente regalato – e non abbiamo vinto. 2-1 per i viola e tutti a casa.
Indubbiamente il doppio confronto con il Barcellona ci ha svuotati, e il calendario che in due settimane ci ha visti affrontare partite chiave ogni 3 giorni e con 10 assenti per infortunio in media a gara di certo non ci ha aiutato.

Probabilmente la Juventus vincerà a Palermo, e per la prima volta dopo tanto saremo dietro di un punto.
Sapete che vi dico? Meglio così. Di solito col pepe al culo diamo il meglio di noi stessi.

Poi, se l’armata hello kitty vincerà tutte le restanti 7 partite, bravi loro; altrimenti questa sarà l’ultima e decisiva occasione per dare veramente il massimo per vincerlo questo benedetto scudo.

Chi non se la sente o vuole abdicare, meglio che si chiami fuori fin da subito.

Non è più tempo di scherzare.

milan, fiorentina, sconfitto, merde viola