TROVA L’INTRUSO

E’ un invito che vi faccio.
Io ci ho messo qualche giorno a rispondere, dopo che la patetica novella è finita (anzi no, dato che il nondeltuttopresidente ha già cominciato a sparare ad alzo zero sul confermatissimo allenatore).

Osservate attentamente la foto alla fine del post. Poi cercate la massima serenità d’animo e rispondete sinceramente.

L’intruso è l’omino a sinistra?
L’intruso è l’ometto a destra?

1) L’omino a sinistra è stato effettivamente un corpo estraneo per la dirigenza già da gennaio di quest’anno, per vari motivi. Vuoi perché non si piega alle logiche padronali, vuoi perché spara formazioni alla cazzo di cane, vuoi perché non fornisce uno straccio di bel giuoco tanto caro al nonpresidente, vuoi perché non azzecca un cambio in corsa dal 1987, vuoi perché il 4-3-3 fatto così non è incisivo.
C’è da dire però che quest’anno il mister si è ritrovato con una rosa dimezzata e carica di brocchi, con gente giovane ed inesperta da svezzare subito a suon di mazzate, senza alcuna voce in capitolo per quanto riguarda il mercato.

Insomma, col materiale umano che aveva a disposizione mister Allegri ha fatto un miracolo ad essere arrivato terzo. E’ un fenomeno quando si tratta di spremere al massimo giovani promettenti; ho qualche dubbio sul fatto che sappia ugualmente trattare coi campioni e farli rendere al meglio.

2) L’ometto a destra è stato il presidente più vinciuente della storia del calcio italiano. Finché ha fatto il presidente del Milan, però. Ossia fino al 1993. La “discesa in campo” segna un po’ lo spartiacque tra due Berlusconi: Berlusca il Giovane e Berlusca il Vecchio. Per modo di fare, per età anagrafica, per capacità di osare e di lasciar fare, per capacità di circondarsi e fidarsi dei migliori, per lungimiranza, per voglia di fare l’interesse del Milan: il 1993 segna un netto spartiacque. Anche a livello di titoli vinti, a ben vedere.

Berlusca il Vecchio ormai vive nell’ombra di ciò che fu. Pensa ancora di essere Berlusca il Giovane, di dominare in Europa, di Edilnord e moduli all’avanguardia, di dettare lui le formazioni,  Di Gullit e Van Basten, di Shevchenko e Kakà (no, non sto scherzando: leggete QUI). E’ diventato la macchietta di sè stesso, e si incaronisce su chi non la pensa come lui. Vorrebbe tornare il Giovane ma sa che non può. E allora, come tutti i vecchi, diventa astioso e taccagno: non compra i giocatori al tecnico e vorrebbe che fosse lui ad andarsene, evitando così di pagare la buonuscita.

Perché ci si è ridotti così? Perché svilire un allenatore nel suo ultimo anno di contratto? Perché invece non lasciare tutto così com’era, senza sollevare polveroni, garantendo un sereno ultimo anno ad Allegri per poi puntare su un allenatore – che ne so, Prandelli post mondiale 2014? – completamente nuovo per cercare di formare un nuovo ciclo?

Alla fine della fiera – soprattutto per come si è sviluppata questa trattativa di rinnovo – ho capito una cosa: gli intrusi sono entrambi. Vivremo un altro anno di limbo, sperando del ripetersi di un nuovo miracolo sportivo, ma così non si può andare avanti.

Soprattutto se la dirigenza continua a perseverare nel pensare che gli intrusi, in questo Milan, siano i tifosi rossoneri.

Milan, allegri, berlusconi, rinnovo, telenovela

QUALCHE NEWS VELOCE VELOCE

1) Non c’ è due senza tre.
Domani giochiamo contro l’ Udinese. Di nuovo. Le due precedenti sfide vedono due vittorie per i friulani e due figuracce per noi. Non sarebbe ora di invertire la tendenza?

2) Perseverandum ad perseverantiam.
Rinnovi firmati per Antonino Antonini ed Abato Abate, per loro un pluriennale fino al 2014 a condizioni economicamente più vantaggiose. E grazie al cazzo, visto che fino ad ora venivano pagati, a cottimo, con prodotti ortofrutticoli.

3) Reazione a catena.
I rinnovi freschi freschi dei nostri due terzinacci comportano che a) i vecchiazzi malefici tra un po’ cominceranno a sfrangiare i maroni a Galliani per farsi aumentare la paghetta fino al 2022, e che b) probabilmente anche il prossimo anno i terzini titolari saranno ancora Scamòrzio Abate e Sfancùlio Antonini, con buona pace di chi sogna l’ arrivo al Milan di due terzini veri.

4) Arrivi e partenze.

Dunque. Torna Bonera dopo mesi e si ferma Antonini. Pato è latitante da un po’. Borriello ai box forse per pubalgia. Seedorf ha giocato mezz’ ora domeinca ed ora è di nuovo out. Onyewu è disperso tra le lande sconfinate dell’ Arizona. Nesta, Favalli, Gattuso, Mancini and so on sono ridotti da far schifo.
Ma chi cazzo è il nostro medico sociale, Jack lo Squartatore?

jack-the-ripper.jpg

LARGO AI GIOVANI

Gennaro Gattuso ha rinnovato.
Fino al 2012.
La telenovela è finita.
La politica di ringiovanimento della rosa del Milan sta andando avanti.
La politica dei “rinnovi solo annuali per gli over 30” attuata da Galliani sta andando avanti.
Ora gli altri senatori chiederanno lo stesso trattamento.
Tra breve arriverà dall’ america un altro virgulto 34enne.
E’ stato avvistato Flamini mentre stava chiamando una ditta di traslochi.
E subito dopo passare il telefono ad Abate.

Complimenti vivissimi.

adriano_galliani_milan_new.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

inserzione a pagamento: è di nuovo operativo FACCEDAMONDIALE, il blog che guarda in faccia tutti. Stessa veste grafica, stessa quantità industriale di minchiate, non è cambiato nulla. Una garanzia.


IPOCRISIA PORTALI VIA

Bella lì, Ringhio. Ti sei impuntato, hai alzato al voce e hai chiesto rispetto. Perché non sei l’ ultimo arrivato, eccheccazzo.
Il Geometra ti ha risposto e ti ha dato un nuovo contratto fino alla fine dei tuoi giorni, per concludere la carriera nella grande famiglia rossonera.

Domanda: chi dei due è più ipocrita?

C_3_Media_726732_immagine_l.jpg