MILAN 2 – UDINESE 1

pregara.
– SuperMelaMarcia Balotelli partirà dalla panchina. Gatto Nero Amelia purtroppo titolare. Boateng fuori dal cazzo per un attacco influenzale. Tridente con La Pazza, Faraona e Niang. A centrocampo rientra Nocerinchia.
– E INVECE COLPO DI SCENA: Pazzini si fa male in riscaldamento ed entra – con uno studiatissimo coup de theatre – proprio Balotelli. «Tiafolo t’un Gallianen
– L’espulsione di Balotelli nei primi 15 minuti è quotata 1,23 ad 1. Vedete voi.

1° minuto.
– 10 centimetri più a destra, e Balotelli sarebbe entrato nella storia: piglia palla di forza e scarica un destro che, come direbbe Pizzul, «fa la barba al palo». Se questo è l’inizio…

11° minuto.
– Occasionissima con Niang che riceve un ottimo filtrante dalla sinistra, controlla, incrocia di destro e centra Padelli nei coglioni. Poi carica di Flamini sul portiere che rende vano uno strepitoso intervento sulla linea di Allan. Nulla di fatto.

20° minuto.
– Abate per la prima volta nella sua vita imbrocca un cross da destra, El Shaarawy inzucca ma la palla finisce alta.
– Corner ben battuto da destra, Zapata si incartapecorisce e riesce a spedirla verso lo specchio della porta dove Padelli fa buona guardia.

25° minuto.
– Bastano 25 minuti per scrivere negli annali il primo gol in maglia rossonera by Mario Balotelli: fuga di El Shaarawy sulla sinistra, linea di fondo, cross a rientrare leggermente deviato, palla che si impenna un po’, Marione che senza pensarci due volte scarica la volée di sinistro alle spalle di Padelli. Gol. Tripudio. Galliani in tribuna che gongola come un cinghialone. Milan 1 – Udinese 0.

27° minuto.
– A causa di uno strepitoso Padelli, per poco Balotelli concede il bis con un gran destro a giro da fuori indirizzato all’angolino. Avesse segnato, sarebbe crollato lo stadio.
– Fin qui, Balotelli assolutamente un fattore. Ora vediamo di non gasarlo troppo.

39° minuto.
– Due perle in successione.
La prima. Balotelli di petto per Niang che restituisce di tacco, Balotelli crossa meglio di Abata e Padelli la spizza con le unghie.
La seconda. Sul ribaltamento di fronte, Nocerino si fa 70 metri per chiudere un buco di Abate sulal fascia destra e a ridosso della linea di fondo riesce a buttarla in fallo laterale. Grande Noce.

40° minuto.
– El Shaarawy fugge sulla sinistra dopo una gran triangolazione Montolivo – Elsha – Noce – Elsha, punta la linea di fondo, la crossa in mezzo per il Flamba che viene anticipato di una sputazza dal suo marcatore. bene così.

45° minuto.
– Finisce questo frizzante primo tempo.

Per ciò che si è visto, Milan nettamente migliore dei friulani. Avremmo meritato altri tre gol, ma per ora va bene così. Finalmente un primo tempo come si deve. la condizione fisica sembra buona, e non mi sembra che ci siamo sbattuti più di tanto.
Presumibilmente ora l’Udinese uscirà dal suo 4-4-1-1 catenaccione, se vuol raddrizzare il match. E’ quindi fondamentale per noi non abbassare i ritmi e non commettere l’errore di sedersi mentalmente.

52° minuto.
– Per poco Di Natale ci rovina la festa. Il suo colpo in scivolata alla fine esce troppo alto sulla traversa.

55° minuto.
– Ahia. Come volevasi dimostrare. Ci siamo rilassati troppo mentalmente e alla prima cazzata Pinzi (che non segnava dal 1987 in allenamento), complice la sciagurata deviazione spiazza-Amelia di Zapata, ce la schiaffa in saccoccia. Milan 1 – Udinese 1.

57° minuto.
– Ci prova Balotelli in mezzo all’area, ma è circondato da tre udinesi e il tiro vien bloccato a terra da Padelli.

78° minuto.
– Bordata terrificante di Niang a centroarea che per poco distrugge la traversa (un po’ come in allenamento).
– Nei 20 minuti precedenti, assalti infruttuosi da parte dei rossoneri, ritmo spèezzato e scarsa lucidità mentale. L’ingresso di Bojan assolutamente disastroso per noi.

87° minuto.
– Padelli, hai rotto i coglioni. Punizione dal limite tirata benissimo da Balotelli, gran deviazione in tuffo alla sua sinistra. Continua il vecchio adagio dei «portieri brocchi che contro di noi diventano fenomeni».

90° minuto.
– Saranno 3 i minuti di recupero.

92° minuto.
– Ahahahahahahah che cazzo di rigore che ci han dato. Nutro forti dubbi. Forse han punito più l’intenzione che non il contatto vero e proprio tra Heurtaux ed El Shaarawy. Situazione al limitissimo. Diciamo che forse va a fare il paio con la clamorosa trattenuta di Domizzi su Balotelli a centro area ad inizio ripresa.
Tira Balotelli e spiazza Padelli. Milan 2 – Udinese 1 e tutti a casa.

Abbiamo vinto. Anzi: abbiamo dominato. Ma abbiamo portato a casa il match con un rigore molto ma molto generoso. Mi brucia vincere così, con un rigore regalato (il peccato di Heurtaux è stato quello di entrare a piedi uniti a falciatrice) che farà molto scalpore.
Polemiche, polemiche, e ancora polemiche. I più faziosi tireranno in ballo le elezioni, quasi sicuramente (dimentichi del fatto che questo arbitro è lo stesso genio che nel derby d’andata si è inventato l’autofallo di Handanovic negando il gol del pari a Montolivo).

Vabbè, oh. Portiamo a casa questo regalo.
It’s Christmas Time!

 

Milan, udinese, balotelli, vittoria, rigore inesistente