E’ TUTT’UN TWEET 07: AJAX 1 – MILAN 1

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #AjaxMilan

– Questi han preso 4 pere dal PSV, ricordiamocelo.

– Non son più abituato a vedere Balotelli in campo.

– Imperativo categorico: sopprimere l’insopportabile bianconero Cristian Poulsen.

– Qual è il nostro sponsor tecnico stasera, il Lexotan?

– Ma Joska Fisher non era un ministro tedesco? Cazzo ci fa nell’ajax?

– Cazzo Danny Blind, non lo facevo così forte e giovane.

– 76% di possesso palla per i lancieri. Era dai tempi di Enver Hoxa che qualcuno non veniva distanziato di così tanto in una gara.

– Dopo stasera lo Zingarelli sostituirà “cassanata” con “zapatata“.

– Ok, dai, basta scherzare voi di @SkySport : finitela con questo documentario sui bradipi e cominciate a trasmettere la gara.

– Siamo al 33º e i nostri non sono ancora riusciti ad entrare in area oranjie. Ottimo. Era meglio fossero andati a zoccole.

– Abbiati para una punizione. Anzi, no: un olandese tira una punizione addosso ad Abbiati.

– Stasera Balotelli ci sarebbe servito come il pane. Ah, già…

– Robinho applica alla lettera il motto “se non puoi battere il tuo nemico, abbattilo“.

– Dannato arbitro, perché fischiare così presto la fine di questo spettacolare primo tempo?

– Il primo tempo del Milan è stato così vergognoso che i miei gerani han deciso di suicidarsi.

– Dove minchia sono gli squadroni della morte quando servono?

– Ho appena visto lo scontro sanguinoso tra Sallusti e Cicchitto. Ed è identico allo scontro sanguinoso tra Robinho e il gol.

– Abbiamo fatto una bella azione all’inizio della ripresa, alleluja alleluja.

– Resto comunque dell’idea che Constant giocherebbe meglio se si levasse quel castoro morto dalla testa.

– Il Milan in questo secondo tempo ha iniziato a giocare. È finito l’effetto della ganjia.

– Di Cristian Poulsen ricordo volentieri un urlo in faccia che gli stampò Gattuso. Eh, i bei vecchi tempi…

– Balotelli spara un numero strepitoso dalla sinistra, si accentra, spara la bomba a giro ma il portiere devia sulla traversa. Sfiga.

– Mexes di tacco per De Jong. Vabbè, ok: siamo in “the Matrix”.

– Mancano 10 minuti al termine dei tempi regolamentari. Entra Matri ed esce Robinho. La bestemmia resta in canna, quindi.

– Cristian Poulsen è l’ambasciatore della juventinità in giro per il mondo.

– Dai Urby, deliziaci come solo tu sai fare.

– Ovazione per Emanuelson al suo ingresso in campo. In Olanda han roba di ottima qualità.

– Fallo di mano, fallo da villano.

– Mexes e Zapata sono i nuovi Gianni e Pinotto.

– Ma guarda un po’? Prendiamo gol, di testa, su calcio d’angolo. Questa non è più distrazione, è feticismo.

– Ma guarda un po’? Rigore per il Milan. Su, dai, scatenatevi.

– Balotelli rimette le cose a posto 1-1.

– L’arbitro ha fischiato il rigore con venti minuti di ritardo.

– La roba bella dei rigori dati al milan è il meraviglioso spettacolo pirotecnico fornito dai fegati esplosi degli antimilanisti.

– Allegri: “nel primo tempo la squadra ha fatto ciò che avevo chiesto“. Avevi chiesto alla squadra di giocare di merda?

– Sentire juventini ed interisti lamentarsi del #rigoreperilmilan è come sentire totò riina lamentarsi perché non trova parcheggio.


Milan, ajax, pareggio, rigore, balotelli, polemiche

INCOMPRESO

Lippi 1: “Abbiamo guadagnato sabato la qualificazione matematica a Dublino e potete immaginare la grande felicità, abbiamo anche festeggiato un po’. Ho cambiato questa sera la squadra per undici undicesimi, una particolarità che non esiste al mondo. Siamo campioni del mondo, veniamo qui a giocare una gara che non conta nulla e appena abbiamo un pò di difficoltà, visto che in campo c’era un’Italia non ha giocato insieme una volta, la gente invece di incitare i ragazzi comincia a gridare il nome di altri calciatori. È una cosa vergognosa: la gente deve amare la Nazionale perchè è capace di fare queste cose”

Lippi 2: “Ci siamo qualificati con una giornata d’anticipo, psicologicamente non è che fossimo concentrati e determinati come in una partita decisiva. A questi ragazzi dici ‘andate a lavorare’? Ma siamo fuori di testa. Poi è facile dire ‘Italia, Italia’ alla fine. Penso che questi ragazzi si meritino tanto rispetto. Come si fa a chiedere di chiamare altri giocatori? Questi ragazzi sono campioni del mondo, non meritano un po’ di aiuto se si trovano un po’ difficoltà?

Lippi 3: “Sono incazzato come una bestia. Certi giocatori se io sono convinto di chiamarli li chiamo, altrimenti no. Non è quello il problema: è la mancanza di rispetto nei confronti di giocatori straordinari che hanno un cuore grande come una casa. E’ chiaro che si tratta di una minoranza, ma a chi ha gridato di andare a lavorare dico io a loro di andare a lavorare

E’ proprio vero: anche se è il miglior c.t. degli ultimi 150 anni, Lippi resta in assoluto il c.t. maggiormente perseguitato dalla tifoseria di tutta la storia di tutte le epoche del mondo.

lippi2.jpg