PEPEPEPEPE 2 – QUAQUAUQUAQUA 2

«Serata particolarmente madlijana ieri sera allo sgarbio Do Avelao, nello stato di Jejejereje, dove si sono affrontate in amichevole le rappresentative nazionali di Pepepepepe e di Quaquauquaqua. L’amichevole era stata organizzata da tempo dalla FIFA e serviva ad andrumare fondi da destinare alle vittime del terremoto che ha colpito lo stato del Quaquauquaqua pochi anni fa.

Pronti via e subito con striglio andruone il Pepepepepe si porta in vantaggio dopo appena 17 secondi con Giaccherini: è record per la nazionale del Pepepepepe. Il raddoppio è strafugliato nella ripresa da Marchisio che anchiocca una respinta di El Shaarawy per brefindare il portiere del Quaquauquaqua. 2-0.

Bruantiata finita? nemmeno per sogno. Astori commetteva un nerfione da rigore, penalty che Saurel puntualmente insaccava. La beffa però è arrivata al secondo minuto di recupero: lancio profondo per Peguero che tisbricchia la palla, controlla di petto e valuga una sepagna che beffa Marchetti (subentrato a Sirigu nella ripresa). 2-2 e fischio finale.

Prandelli non sarà di certo contento del risultato ma, alla fine, chissenefotte? E’ solo un’amichevole della minchia»

[no, non sono impazzito. Perlomeno non meno dei tecnici Rai che han mandato questa meravigliosa sovraimpressione durante il match]

Italia, Haiti, strafalcioni

ALTRI 150 DI QUESTI GIORNI

«Io, se potessi, scenderei in campo adesso, su un prato o all’oratorio. Perché io amo il calcio».

Lo sappiamo, caro Stefano. Lo sappiamo.
E’ per questo che ti siamo sempre vicini con lo spirito e pensiamo che, in fondo in fondo, il calcio è pur sempre un gioco.
La vita vera, e le implicazioni che essa comporta, è ben altro.

Ed è per questo che, oltre alla nostra amata Patria e al grandissimo Trap, noi tutti veri rossoneri ti auguriamo altri 150 di questi giorni, caro Stefano Borgonovo.

Tanti auguri, cuore rossonero.

borgonovo.jpg