O TEMPORA, O MORES!

Milan, galliani, filippo ferri, vergogna

 

Lo conoscete questo signore ritratto nella foto?
No?

Questo qui si è preso 3 anni e 8 mesi di carcere più 5 anni di interdizione dai pubblici uffici per una roba successa a luglio del 2001 a Genova, in una scuola intitolata ad un generale italiano della Prima Guerra Mondiale.

Perché? Perché questo qui, all’epoca dei fatti, era a capo della Squadra Mobile di La Spezia.
Non ha partecipato direttamente ai massacri, sia chiaro, ma ha firmato i verbali di arresto per alcuni cosiddetti “no-global“.
E, molto probabilmente, ha taciuto su ciò che ha visto, o sentito, o intuito.

Tra l’altro – come aggravante – è pure il figlio dell’ex ministro delle autostrade Enrico Ferri, quello dei 110 Km/h come limite.

Bene. Cosa c’entra con il Milan?
Per ora nulla, e spero che sia sempre così.

Ma se la notizia dovesse essere confermata, mi indignerei non poco.
La notizia è la seguente: il sig. Filippo Ferri è stato assunto dalla società AC Milan in veste di – udite udite – consulente alla sicurezza.

Chiaro: ci vuole la competenza di uno veramente bravo per tenere sotto controllo l’afflusso di ben 4.000 paganti e 18.000 abbonati in uno stadio che contiene 80.000 persone.
Oppure si vuole mettere le mani avanti pensando che di qui a poco qualche tifoso particolarmente manesco possa passare dalle parole ai fatti?

Ma si può essere una società più ridicola di così (inter e juve a parte, ché loro sono di un’altro pianeta)?
Eh? Si può?

Se ancora non lo avete capito, questo è l’ennesimo segnale: l’unica responsabile del disastro sportivo, d’immagine e di credibilità della società AC Milan è solo ed esclusivamente questa dirigenza.


Milan, galliani, filippo ferri, vergogna