E’ TUTT’UN TWEET 07: AJAX 1 – MILAN 1

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #AjaxMilan

– Questi han preso 4 pere dal PSV, ricordiamocelo.

– Non son più abituato a vedere Balotelli in campo.

– Imperativo categorico: sopprimere l’insopportabile bianconero Cristian Poulsen.

– Qual è il nostro sponsor tecnico stasera, il Lexotan?

– Ma Joska Fisher non era un ministro tedesco? Cazzo ci fa nell’ajax?

– Cazzo Danny Blind, non lo facevo così forte e giovane.

– 76% di possesso palla per i lancieri. Era dai tempi di Enver Hoxa che qualcuno non veniva distanziato di così tanto in una gara.

– Dopo stasera lo Zingarelli sostituirà “cassanata” con “zapatata“.

– Ok, dai, basta scherzare voi di @SkySport : finitela con questo documentario sui bradipi e cominciate a trasmettere la gara.

– Siamo al 33º e i nostri non sono ancora riusciti ad entrare in area oranjie. Ottimo. Era meglio fossero andati a zoccole.

– Abbiati para una punizione. Anzi, no: un olandese tira una punizione addosso ad Abbiati.

– Stasera Balotelli ci sarebbe servito come il pane. Ah, già…

– Robinho applica alla lettera il motto “se non puoi battere il tuo nemico, abbattilo“.

– Dannato arbitro, perché fischiare così presto la fine di questo spettacolare primo tempo?

– Il primo tempo del Milan è stato così vergognoso che i miei gerani han deciso di suicidarsi.

– Dove minchia sono gli squadroni della morte quando servono?

– Ho appena visto lo scontro sanguinoso tra Sallusti e Cicchitto. Ed è identico allo scontro sanguinoso tra Robinho e il gol.

– Abbiamo fatto una bella azione all’inizio della ripresa, alleluja alleluja.

– Resto comunque dell’idea che Constant giocherebbe meglio se si levasse quel castoro morto dalla testa.

– Il Milan in questo secondo tempo ha iniziato a giocare. È finito l’effetto della ganjia.

– Di Cristian Poulsen ricordo volentieri un urlo in faccia che gli stampò Gattuso. Eh, i bei vecchi tempi…

– Balotelli spara un numero strepitoso dalla sinistra, si accentra, spara la bomba a giro ma il portiere devia sulla traversa. Sfiga.

– Mexes di tacco per De Jong. Vabbè, ok: siamo in “the Matrix”.

– Mancano 10 minuti al termine dei tempi regolamentari. Entra Matri ed esce Robinho. La bestemmia resta in canna, quindi.

– Cristian Poulsen è l’ambasciatore della juventinità in giro per il mondo.

– Dai Urby, deliziaci come solo tu sai fare.

– Ovazione per Emanuelson al suo ingresso in campo. In Olanda han roba di ottima qualità.

– Fallo di mano, fallo da villano.

– Mexes e Zapata sono i nuovi Gianni e Pinotto.

– Ma guarda un po’? Prendiamo gol, di testa, su calcio d’angolo. Questa non è più distrazione, è feticismo.

– Ma guarda un po’? Rigore per il Milan. Su, dai, scatenatevi.

– Balotelli rimette le cose a posto 1-1.

– L’arbitro ha fischiato il rigore con venti minuti di ritardo.

– La roba bella dei rigori dati al milan è il meraviglioso spettacolo pirotecnico fornito dai fegati esplosi degli antimilanisti.

– Allegri: “nel primo tempo la squadra ha fatto ciò che avevo chiesto“. Avevi chiesto alla squadra di giocare di merda?

– Sentire juventini ed interisti lamentarsi del #rigoreperilmilan è come sentire totò riina lamentarsi perché non trova parcheggio.


Milan, ajax, pareggio, rigore, balotelli, polemiche

ERA PROPRIO NECESSARIO?

Dì un po’, Massimiliano: era proprio necessario?
No, dico, era proprio necessario rischiare i titolari in una partita inutilissima?
Risultato a parte, pesano come macigni i due infortuni di Flamini e di Thiago Silva: se il francese può essere tranquillamente sostituito, come la mettiamo con l’unico centrale titolare forte che abbiamo?

Quale occasione migliore di una partita inutile ai fini della classifica del girone di Champions League per far rifiatare i titolari e gettare nella mischia chi non gioca mai? Fottitene di ciò che fanno le altre (Real Madrid, Bayern Monaco, Barcellona) ché loro di titolari ne hanno 23: nella nostra disastrata rosa, è opportuno far rischiare così i titolarissimi? Non so, a volte penso che tu lo faccia apposta.

Altra cosa: hai dimostrato al mondo intero che Pirlo, seedorf e Ronaldinho NON POSSONO E NON DEVONO giocare assieme. Ok. Giusto. Ti avviso però che domenica c’è il Bologna, che è fatto di gente che corre e rompe i coglioni in maniera assurda.
Ora sta a te decidere di mettere chi ti pare anche se – con Flamini rotto e con Ambrosini ed Ibrahimovic diffidati – non sarà per nuilla facile.

In ogni caso sappi che – se perdiamo i tre punti e/o se perdiamo qualche giocatore chiave – saranno cazzi amarissimi nella sfida contro la Roma.
Dipende tutto da te.

0LD4QU5L--620x300.jpg

EUFORIA EUFORIA CANAGLIA

Nell’euforia di questi giorni, mi son dimenticato che stasera si gioca Milan – Ajax, ex finale di Champions League nel 1995.
E’ una partita che non conta un cazzo, d’accordo, ma vogliamo mettere il fascino ed il blasone di quest’incontro?

p.s. Non vogliatemene a male, ma erano anni che non mi sentivo così bene in testa al campionato.

001.jpg

PAREGGIO AD AMSTERDAM

Un 1-1 che mi lascia un po’ di amaro in bocca. Un po’ perché complica la vita nel girone, un po’ perché siamo in crescita di gioco, un po’ perché onestamente ce la meritavamo, la vittoria.

Molto bene Pirlo e seedorf – soprattutto grazie al modulo 4-3-1-2 – a centrocampo e i due centrali difensivi – dormita sul gol a parte. Bene anche Boateng per Flamini, più aggressivo in zona gol e meno pazzoide in fatto di entrate spaccaossa.
Benissimo Ibrahimovic, per ora il miglior acquisto del Milan da diversi anni a questa parte: assolutamente non mangiapalloni, si sbatte per la squadra, corre e pressa anche se infortunato e, soprattutto, la butta dentro solo lui. Anche in Champions.

Per contro maluccio Flamini – troppo nervoso e poco “coprente” – ancora in ritardo di condizione e purtroppo malissimo Robinho: un gol così non si deve sbagliare, nemmeno se sono due anni che non si gioca più.
Ma la palme del peggiore va ad Allegri, stavolta. Non è possibile sostituire gli uomini solo all’85° (a parte Flamini già ammonito sostituito all’inizio della ripresa), dopo una partita giocata su livelli infernali e con certi uomini ancora fuori condizione.

Un piccolo appunto sull’arbitro, tale Felyx Brych, tetesco di Germania. Ad un certo punto ha perso la testa, ammonendo a cazzo e a senso unico. E, cosa ben più grave, ha fermato Inzaghi solo davanti al portiere a due minuti dalla fine perché, a detta sua, Pirlo avrebbe battuto la punizione con palla in movimento. Cosa assolutamente non vera.
Fortuna che nessuno era in diffida, altrimenti col Real sarebbero stati cazzi.

Piccola curiosità: Brych è l’arbitro che lo scorso anno – a Madrid e a Milano – annullò due reti regolarissime a Pato. Abbastanza scandalosa la seconda a Milano, gol che avrebbe fruttato 3 punti ai rossoneri.
Siccome questa volta Pato non c’era, l’arbitro ha pensato bene di sparare nel mucchio.

Comunque sia, nel cammino del Milan c’è sempre un Real Madrid a dare fastidio.
O un Brych.

0L9H2JZR--620x300.jpg