E’ TUTT’UN TWEET 13: BARCELLONA 3 – MILAN 1

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #BarcellonaMilan #BarçaMilan

– Balotelli out per scelta tecnica: “Raiola Macht Frei

– Gioca Forrest Gump Emanuelson al posto di Tapiro Nero Constant

– Barbarella e Galliani come MILF e Cuckold

– Ci stanno leggermente sotterrando

– Neymar merita di essere ucciso a scarpate nei denti

– Muntari in campo? Strano…

– “Temo Iniesta più della tempesta

– Primo postulato del Campnou: “se non c’è fallo per il Barça, inventalo

– No beh dai, ormai Abbiati è surreale

– “Mexes e l’arte delle rovesciate a cazzo

– Secondo postulato del CampNou: “ogni volta che il Barça incontra il Milan ha un rigore inventato a favore

– Scoperto il motivo del perché bagnano il CampNou: per far tuffare meglio Neymar

– Abbiamo preso un gol di testa da punizione? Stranissimo…

– Questa volta l’aggravante è che abbiamo fatto segnare di testa un nanazzo di merda

– Rigore inventato e gol in fuorigioco. Mi vanno bene se si fa scambio con la morte immediata di Neymar

– Vaffanculo, nani dopati di merda!! 2-1

– Rigori inventati, gol in fuorigioco e autogol. Non ci facciamo mancare nulla

– Balotelli sembra volenteroso

– Gol in fuorigioco del Barça, stranamente annullato…

– Zapata stasera è così lento perché trasporta nello stomaco 180 ovuli di coca

– Uh, Abbiati salva la porta

– Neymar deve finire i suoi giorni mangiando il brodo col culo

– Fuori Poli, dentro il futuro pallone d’oro Birsa

– Buffone! Stronzo! Cagacazzo! Neymar, ti deve esplodere il culo

– Messi che all’82º corre il triplo di Bolt. Sicuri che fosse ormone della crescita?

– Pedro è la tipica personcina che useresti come manichino per il crash-test

– Finita. 3-1. Giusto così, ci han presi a pallate. Detto questo, spero che Barcellona sparisca in un terremoto

 

milan, Barcellona, sconfitta, champions league, messi, neymar testa di cazzo

E’ TUTT’UN TWEET 10: MILAN 1 – BARCELLONA 1

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #MilanBarça #MilanBarcellona

– Beneaugurante 2-6 della squadra primavera nella youth champions. Me par ben

– Sto aspettando questo #milanbarça come l’estrazione a freddo di un molare.

– Ecco, Muntari. Titolare. Perché per una volta non provare Poli e mettere l’arma segreta a partita in corso?

– Rassicuranti parole di Raiola su Balotelli nel prepartita: “se ci avrebbe ancora sta pressione, o futur sarebbe via di italia

– Ottimismo Panucci: “Milan 1 – Barcellona 4

– Beh dai, meno male che stasera giochiamo contro il Lecce

– “Keep Calm and chiappe strette

– Ahahahah Robinho si sta giocando tutti i jolly che ha nei primi 5 minuti di gara.

– Fuorigioco di poco di Muntari, ma grande azione. Kakà ha l’enorme merito di rivitalizzare Robinho.

– Kakà oltre che belongare to jesus, resuscita pure i cadaveri. Gran assist per Robinho e 1-0 per noi.

– Dai arbitro, fischia la fine

– Avete rotto il cazzo con ste battute sul lecce

– Volete essere originali? Almeno dite, che ne so, che è il derby pugliese Foggia – Lecce

– Messi fa SEMPRE quella minchia di movimento a sinistra. Perché, ordunque, schifoso di un Mexes, lasciargli il lato libero?

– Almeno renditi utile in attacco, schifoso bidone mechato francese

– Kakà ha esaurito le energie. Effettivamente ha mezz’ora sulle gambe.

– Vedere Kakà in mezzo agli altri scarponi è come vedere quel film con Schwarzenegger in un asilo

– Grande assist di Zapata per Neymar jr, fuori di poco

– No, dai: non si può fare uno spot contro il razzismo con Conte tra i testimonial

– Cosa. Cazzo. Si. È. Divorato. Robinho.

– Questo autotunnel di Robinho ha aperto uno squarcio spazio-temporale. Dall’altra parte c’è Blissett che ride.

– Vabbè, pure Amelia che fa le paratone…

– Entra Balotelli, esce Robinho. Vediamo, vediamo.

– È il 70imo e Kakà sembra leggermente stravolto dalla fatica

– Adriano ci grazia. Erroraccio davvero enorme sotto porta.

– Ciao Kakà, benvenuto Urby.

– Entra Poli, esce un Birsa a caso.

– Perché Muntari? Perché?

– Balotelli questa sera è stato utile come un rotolo di pelo di gatto su un tappeto.

– Fine. 1-1. Tutto sommato meritato.


Milan, Barcellona, pareggio, messi nano di merda

E’ TUTT’UN TWEET 07: AJAX 1 – MILAN 1

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #AjaxMilan

– Questi han preso 4 pere dal PSV, ricordiamocelo.

– Non son più abituato a vedere Balotelli in campo.

– Imperativo categorico: sopprimere l’insopportabile bianconero Cristian Poulsen.

– Qual è il nostro sponsor tecnico stasera, il Lexotan?

– Ma Joska Fisher non era un ministro tedesco? Cazzo ci fa nell’ajax?

– Cazzo Danny Blind, non lo facevo così forte e giovane.

– 76% di possesso palla per i lancieri. Era dai tempi di Enver Hoxa che qualcuno non veniva distanziato di così tanto in una gara.

– Dopo stasera lo Zingarelli sostituirà “cassanata” con “zapatata“.

– Ok, dai, basta scherzare voi di @SkySport : finitela con questo documentario sui bradipi e cominciate a trasmettere la gara.

– Siamo al 33º e i nostri non sono ancora riusciti ad entrare in area oranjie. Ottimo. Era meglio fossero andati a zoccole.

– Abbiati para una punizione. Anzi, no: un olandese tira una punizione addosso ad Abbiati.

– Stasera Balotelli ci sarebbe servito come il pane. Ah, già…

– Robinho applica alla lettera il motto “se non puoi battere il tuo nemico, abbattilo“.

– Dannato arbitro, perché fischiare così presto la fine di questo spettacolare primo tempo?

– Il primo tempo del Milan è stato così vergognoso che i miei gerani han deciso di suicidarsi.

– Dove minchia sono gli squadroni della morte quando servono?

– Ho appena visto lo scontro sanguinoso tra Sallusti e Cicchitto. Ed è identico allo scontro sanguinoso tra Robinho e il gol.

– Abbiamo fatto una bella azione all’inizio della ripresa, alleluja alleluja.

– Resto comunque dell’idea che Constant giocherebbe meglio se si levasse quel castoro morto dalla testa.

– Il Milan in questo secondo tempo ha iniziato a giocare. È finito l’effetto della ganjia.

– Di Cristian Poulsen ricordo volentieri un urlo in faccia che gli stampò Gattuso. Eh, i bei vecchi tempi…

– Balotelli spara un numero strepitoso dalla sinistra, si accentra, spara la bomba a giro ma il portiere devia sulla traversa. Sfiga.

– Mexes di tacco per De Jong. Vabbè, ok: siamo in “the Matrix”.

– Mancano 10 minuti al termine dei tempi regolamentari. Entra Matri ed esce Robinho. La bestemmia resta in canna, quindi.

– Cristian Poulsen è l’ambasciatore della juventinità in giro per il mondo.

– Dai Urby, deliziaci come solo tu sai fare.

– Ovazione per Emanuelson al suo ingresso in campo. In Olanda han roba di ottima qualità.

– Fallo di mano, fallo da villano.

– Mexes e Zapata sono i nuovi Gianni e Pinotto.

– Ma guarda un po’? Prendiamo gol, di testa, su calcio d’angolo. Questa non è più distrazione, è feticismo.

– Ma guarda un po’? Rigore per il Milan. Su, dai, scatenatevi.

– Balotelli rimette le cose a posto 1-1.

– L’arbitro ha fischiato il rigore con venti minuti di ritardo.

– La roba bella dei rigori dati al milan è il meraviglioso spettacolo pirotecnico fornito dai fegati esplosi degli antimilanisti.

– Allegri: “nel primo tempo la squadra ha fatto ciò che avevo chiesto“. Avevi chiesto alla squadra di giocare di merda?

– Sentire juventini ed interisti lamentarsi del #rigoreperilmilan è come sentire totò riina lamentarsi perché non trova parcheggio.


Milan, ajax, pareggio, rigore, balotelli, polemiche

E’ TUTT’UN TWEET 04: MILAN 2 – CELTIC 0

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #MilanCeltic

– Zaccardo Constant e Birsa titolari in Champions. Ho detto tutto.

– Abbiati ha scordato la maglia a casa e indossa il pigiama. O ha sbagliato lavaggio.

@SkySport usa ‘Braveheart‘ per presentare #MilanCeltic. Sarebbe stato più opportuno ‘La Parte Degli Angeli‘.

– «Mi me ciami Ambröse»

– Già due tiri in porta per noi in nemmeno 5 minuti di gara. Inaudito.

– Nel Celtic in panca c’è un certo Amido Balde. Lo voglio assolutamente in campo.

– Ma Stark non era un architetto?

– Alla notizia che Zaccardo è campione del mondo, Adam Kadmon è collassato.

– Il calcio di punizione più ebete della storia.

– Bella girata di testa di Matri. Troppo sul portiere però.

– Valter Birba furoreggia nella trequarti scozzese. Pure troppo. Tra un po’ gli avversari lo seppelliranno vivo a centrocampo.

– Ottima entrata a motofalciatrice di Balotelli sulle caviglie di un pecoraio. Bene così.

– Zaccardo si smalta su un cartellone pubblilicitario. La sua migliore azione da anni e anni.

– Mezz’ora di agonia se n’è andata, alè.

– Nocerino al tiro, alto di pochissimissimo.

– Ahahahahahahahah Zaccardo!!

– Regali in area, schianti sui cartelloni, coperture ridicole, retropassaggi assurdi: mancano solo le cavallette e siamo a posto.

– Elegantissima la divisa sociale dell’allenatore del Celtic.

– Gran riflesso del portiere del Celtic su quasi autogollonzo dopo una mina di Balotelli. Muntari poi sparacchia alto as usual.

– Fine primo tempo. Pareggio meritatissimo.

– «Samaras, bukuku Samaras, abantu Samaras, miranda tumbala…». Gran tiro comunque.

– Tutto San Siro incoraggia Constant: «vieni avanti crestino!»

– Noi non abbiamo una difesa, abbiamo uno psicodramma.

– Entra Emanueslon. Allegri è sadico.

– Quindi Muntari non ha solo i piedi a spigoli. Pure la capoccia.

– Abbiamo preso contropiede da una nostra punizione. Siam fantastici. Fortuna che padre Brown spreca tutto.

– Siamo al 73º: a che minuto è previsto il rigore a nostro favore?

– Esce Constant ed entra Robinho. Ora si che #siamoapostocosì.

– Entra Robinho = parte l’insulto preventivo.

– La traversa sarà certamente #uomopartitaSky.

– Zapata tira fuori, un difensore decide di farsi autogol. 1-0 Milan. Per dire che razza di partitone sia #MilanCeltic.

– Ahahahah Muntari raddoppia con una sforbiciata oscena. Grandissima punizione di Balotelli comunque.

– Tifosi del Celtic che intonano “You’ll Never Walk Alone“. Bravi. Anche ricordando Stylian Petrov.

– Fine. 2-0 Milan. Risultato bugiardo ma chissene.

– Zapata di profilo è identico ad un moai dell’isola di Pasqua.

Milan, Celtic, champions league, vittoria

E’ TUTT’UN TWEET 02: MILAN 3 – PSV 0

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] – hashtag: #MilanPSV

– Muntari al posto di Poli: la tecnica prima di tutto.

– “Cocu” in francese significa “cornuto” #sapevatelo

– Tentativo di uccidere Balotelli a calci, invano.

– arrembiamo come una provinciale. Bene così.

– BOATENG!! 1-0. Il tronista pantagonnato ha segnato. Per ora vince Allegri.

– Bella azione dei ragazzotti. Peccato per la conclusione del faraone.

– Piano con i facili entusiasmi. Anche all’andata eravamo andati in vantaggio prima della vaccata di Abbiati.

– Abbiati c’è!!

– Una cosa giusta in partita è giá troppo per il Boa: stopparla in area solo davanti al portiere è superfluo.

– Ad ogni corner battuto dagli avversari perdo un quarto d’ora di vita.

– Montolivo cerca l’eurogol senza fortuna. Bel Milan, gli dei di Kobol sembrano benevoli stasera.

– Come non detto: sanguinosa traversa presa da El Shaarawy su cross di De Sciglio. Fanculo agli dei di Kobol.

– 40imo minuto e sembriamo tenere. Speriamo di non cambiare atteggiamento nella ripresa.

– Montolivo che si incazza: un evento rarissimo, come papa Francesco che smette di telefonare.

– Saracca di Balotelli da 500 metri. Centralissima.

– Son di bocca buona, si: per adesso mi accontento della prestazione appena sopra il limite del decoro.

– I prodromi ci sono tutti: ho già il bestemmione in canna. Grande briciolina.

– Lo #spettrodeisupplementari incombe ancora su San Siro

– Occasionissima per il faraoncino. Mettici più cattiveria però.

Ba-lo-tel-li! Su assist di testa della Barbie bionda. 2-0 e supplememtari evitati.

– Il bambino Mattia migliora di partita in partita. Non abbandonatelo.

– Bello il numero della foca monaca di El Shaarawone.

– Abbiati è in serata di grazia. Nel psv esce uno che ci farebbe comodo, maher, ed entra toivonen.

– Stesso problemino al polpaccio della scorsa volta per Balotelli. Potrebberlo sostituirlo con Tevez.

– Esce El Shaarawy. Praticamente uno scioglilingua.

– L’ingresso di Poli si è fatto sentire: gran passaggio per Baloteng che, nonostante tutto, la insacca di culo.

– 3-0, esce Muntari per Nocerino. Teniamo il risultato, bene così.

– Esce Boateng ed entra Robinho. Lo scorso anno questa stessa situazione significava “mossa della disperazione”.

– Il numero di botte che ha preso Balotelli stasera è pari a quello totale del match Holyfield – Tyson.

– Poli numereggia su Toivonen: palese “captatio benevolentiae” per il pubnlico di San Siro.

– 3-0 e niente da dire. Bravi tutti questa sera.

– Grandissimo Mario che non dedica la vittoria a Berlusconi.

Milan, PSV, vittoria, champions league, passaggio del turno, twitter

SPORT ESTREMI

Sono un appassionato di sport estremi. Infatti ieri ho sottoscritto l’offerta di Sky Sport, il pacchetto che offre anche la Champions League.
Un giorno prima di sapere se il Milan ci andrà o meno, in Champions League.

Qualcuno la definirebbe “coglionaggine“; io preferisco vederla come “attaccamento alla maglia“.

Analizzando però la questione a fondo, vien da chiedersi. E’ meglio se questa sera il Milan vinca ed approdi nella competizione tutta lustrini, milioni e musichette, oppure sbrachi e finisca nel limbo degli sfigati, quella Europa League di cui non frega un cazzo a nessuno in Italia ma è vitale per il famoso “ranking UEFA” tanto caro al nostro amm. deleg. geom. dott. Galliani?

Se il Milan non dovesse superare il barrage – erano decenni che sognavo di scrivere barrage in un blog – allora la stagione partirebbe drasticamente ad handicap. Non solo: non ci sarebbero 30 milioni di proventi da ipoteticamente reinvestire in società.
Lo scenario sarebbe quello di ridimensionare drasticamente gli obiettivi, tarando il target sulla rosa attuale. In linea di massima, quindi, vorrà dire quarti di finale di Coppa Italia.

Se il Milan invece dovesse trionfare contro i maledetti oranjie fumacannoni, allora si spalancherebbe il paradiso calcistico-finanziario: 30 milioni da spendere e l’ingresso ancora una volta tra le grandi d’Europa.
Certo, saremmo in seconda fascia con la forte probabilità di beccare squadroni già nel girone e venir sbattuti fuori, ma che importa? La faccia perlomeno è salva fino a febbraio.
Ma il punto è: 30 milioni da spendere COME? Nella migliore delle ipotesi, andrebbero tutti in tasca a Marina per cercare di rendere meno pesante il passivo di Mediaset; nello scenario peggiore, quasi la metà andrebbero investiti su Matri.

Appunto.

Vedete bene che lo scenario più tranquillo, sereno e migliore è senza dubbio il primo. Ma io spero che si verifichi il secondo.

Ve l’ho detto, no, che sono un appassionato di sport estremi?

Milan, PSV, champions league

COME PASSA IL TEMPO…

Ieri abbiamo ricordato la prima Coppa dei Campioni, oggi ricordiamo l’ultima.

Quella vinta partendo dai preliminari (gran cosa, i preliminari).
Quella vinta, di culo, giocando di stramerda.
Quella vinta da Ancelotti (ricordate le polemiche a proposito dell’esclusione di Gilardino?) contro tutti.
Quella vinta da Inzaghi (con le sue tremende cagate – in senso letterale – prima del match) contro tutti.
Quella dove anche Andrea “giuda” Pirlo alla fine pianse, forse perché in quel momento voleva essere al Real Madrid.
Quella dove ci fu quell’inutile gol in fuorigioco di Kuyt (chiamato nei modi più inverecondi dai telecronisti di allora: Còit, Cùit, Càit, Cüit, Cöit, persino Càut) che ci fece passare i 5 minuti più lunghi della storia.

Quella che, insomma, ci fa gioire nell’essere nonostante tutto tifosi rossoneri.

MALACAGA’

Era una partita da vincere senza discussioni. E invece.
Ci abbiamo provato, soprattutto nella ripresa, ma niente.

Mi dà fastidio aver preso il gol da una cagata in fase di impostazione difensiva di Constant – che terzino non è – sull’unico tiro in porta dei malaghesi.
Poi perlomeno ha crossato in testa a Pato il pallone dell’1-1.

Pato. Non so. Ho paura che questo qui non spingerà mai più del 50% del suo potenziale per timore di ulteriori infortuni. Ed è un peccato, perché un Pato così a noi non serve granché. Magari deve solo riacquistare fiducia, magari è solo un contrattempo passeggero, magari sta cercando di ritrovare la condizione migliori a piccoli passi e senza strafare.
Magari.

Nel frattempo dobbiamo affidarci a quelli che abbiamo, sempre che la sorte maledetta non ce li tolga.
Fuori Antonini, ed è una benedizione. Però Abate fuori dopo 5 minuti per far posto ad un De Sciglio reduce da una broncopolmonite non del tutto guarita, beh, ci ha messo discretamente in merda.

Note positive? Bojan – che in quella posizione e a 22 anni cresce sempre di più partita dopo partita (e speriamo che non si rompa MAI) – e Montolivo che sembra stia mantenendo livelli qualitativi più che discreti: ieri sera l’ho visto pure sradicare tre palloni dai piedi degli avversari, per dire.

Di El Shaarawy ormai se ne parla come di una certezza. Ieri non ha segnato, ok, ma si è sbattuto come un cane andando a recuperar palloni da terzino. Ha fatto benissimo Allegri a toglierlo perché ci servirà integro per altri lunghi mesi a venire.
Speriamo solo che il ragazzo capisca la situazione, non si rompa le palle e che continui in questo ruolo di “quasi stella”. Purtroppo il Milan attuale questo ha da offrire: grandi stelle non ce ne sono, facciamo di necessità virtù.

Mi si dirà: «si va ben Bojan e Montolivo, ma han fatto bene solo mezz’ora e nulla più». Ok. Però mezz’ora – per il momento – è sempre meglio che il nulla del mese scorso. Magari con il proseguir delle partite ritroveranno fiducia e costanza. Siamo ottimisti, su.

Oppure volete vedere sempre in campo quegli ectoplasmi con i capelli a scopettone a nome Boateng e Robinho?

Milan, Malaga, pareggio