E TUTT’UN TWEET 01: VERONA 2 – MILAN 1

@IgorTV [https://twitter.com/IgorTV] :

– Pardo che si gioca la #fatalverona già dopo nemmeno tre minuti di telecronaca. Paura

– le sparo subito, così son fuori di un pensiero: #fatalverona #veronamilan #balotelli #tosi #razzismo #salcazzovolante

– Milan in maglia bianca, veronesi con quella del Parma

– ah, le chiusure alla cazzo di Zapata. quanto mi sono mancate. E’ sempre bello sapere che le buone abitudini non muoiono mai

– Rafael, eccheccazzo…

– Mandorlini ha la faccia di uno che ha appena finito di lottare col cuscino

– POLI!!! Sempre detto io che il vittoriese è un grande…

– grande Poli, ma si sa che da sempre l’uomo è Cacciatore

– e adesso tutti arroccati in difesa a guardia del golletto, eh, mi raccomando…

– Abate ha già raggiunto la quota “cross giusti” per la stagione 2013/14

– ha preso più falli Balotelli in 20 minuti di gara che Sasha Gray in tre mesi di riprese

– dai arbitro, fischiaci questo rigore a favore e facciamola finita

– Montolivo non fa per nulla rimpiangere Pirlo in quanto a palloni sanguinolenti persi nella nostra trequarti

– ma come? non li avevano aboliti i corner contro il Milan?

– altro gol preso da palla ferma. ah, le belle certezze di una volta…

– «e mi e ti e Toni…»

– è chiaro a tutti che il pensiero rossonero è rivolto al ritorno contro il PSV

– in questo momento al supervertice pdl ad #arcore non si sta parlando d’altro che della marcatura di Constant su Toni

– massì, cosa cazzo ci serve un portiere a noi…

­- «quella sua Maietta fina» è già stata detta?

– si vabbè, ciao. Doppietta di Toni. Di testa. Siamo i migliori nel far resuscitare i morti.

– cosa può succederci ancora di peggio? Che entri Robinho al posto di El Shaarawy?

– riusciamo a prendere contropiede anche a difesa schierata. grandi.

#Pignatone fa subito vedere di che pasta è fatto: colpo di testa lolloso su un cross assurdo di Abate

– ma perché non facciamo entrare Traoré al posto di Poli? Tanto ormai, è tutto così surreale…

– ah beh, dopo la meravigliosa stagione che si prospetta vado a sottoscrivere di corsa l’offertona di @SkySports

– e la saga dei “portieri che fanno i miracoli contro di noi” continua con la new entry Rafael

– massì Mario, fatti buttar fuori. Sarebbe la prima roba giusta che fai in partita.

– fanno talmente cagare che mi fan rivalutare Robinho come giocatore. Li odio

– persa la prima per 2-1. La stagione promette benissimo

Milan, Verona, sconfitta, twitter

E TUTT’UN TWEET 01: VERONA 2 – MILAN 1ultima modifica: 2013-08-25T11:08:56+00:00da igortv
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “E TUTT’UN TWEET 01: VERONA 2 – MILAN 1

  1. IMBARAZZANTE
    VERGOGNOSO
    SCHIFOSO
    Scegliete voi l’aggettivo più adatto per connotare questa accozzaglia di mediocri che si credono dei fenomeni e lo dimostrano negli atteggiamenti in campo , nessuno che corre , nessuno che si sacrifica , nessuno con i coglioni sotto che prenda a calci nel culo gli esaltati .
    SONO ARRIVATO PERSINO A SENTIRE LA MANCANZA DI SEEDORF CHE NEGLI ULTIMI TEMPI HO POCO AMATO
    Una partita di così basso profilo non la ricordo neanche negli anni + bui della serie B , mai avuto la sensazione che questi scarsi fossero in grado di una minima reazione , ognuno che va per i cazzi propri come dei pecoroni.
    HO PAURA CHE SI SIA ARRIVATI ALLA FINE DEI GIOCHI :
    UNA SQUADRA INESISTENTE
    UNA SOCIETA’INESISTENTE
    UN PRESIDENTE DELINQUENTE
    UNA CURVA VERGOSOSA DI DELINQUENTI MANTENUTI
    INSOMMA IN 8 ANNI ( COIE’ DAL 2005 QUANDO LA FOSSA SI E’ SCIOLTA, L’UNICA CON VIGORE COERENZA E SANI PRINCIPI – il 12 e 13 in campo )SIAMO DIVENTATI GLI ZIMBELLI D’ITALIA. FACCIAMO RIDERE IL MONDO INTERO .
    Ci fosse stata ancora oggi il migliore in capo di sabato avrebbe preso tanti di quei calci nel culo che neanche se li immaginava.
    AMICI SPERIAMO IN BENE – SOLO PER I COLORI E LA MAGLIA OVVIAMENTE PERCHE’ IL RESTO E’ TUTTO DA BUTTARE.

  2. IMBARAZZANTE
    VERGOGNOSO
    SCHIFOSO
    Scegliete voi l’aggettivo più adatto per connotare questa accozzaglia di mediocri che si credono dei fenomeni e lo dimostrano negli atteggiamenti in campo , nessuno che corre , nessuno che si sacrifica , nessuno con i coglioni sotto che prenda a calci nel culo gli esaltati .
    SONO ARRIVATO PERSINO A SENTIRE LA MANCANZA DI SEEDORF CHE NEGLI ULTIMI TEMPI HO POCO AMATO
    Una partita di così basso profilo non la ricordo neanche negli anni + bui della serie B , mai avuto la sensazione che questi scarsi fossero in grado di una minima reazione , ognuno che va per i cazzi propri come dei pecoroni.
    HO PAURA CHE SI SIA ARRIVATI ALLA FINE DEI GIOCHI :
    UNA SQUADRA INESISTENTE
    UNA SOCIETA’INESISTENTE
    UN PRESIDENTE DELINQUENTE
    UNA CURVA VERGOSOSA DI DELINQUENTI MANTENUTI
    INSOMMA IN 8 ANNI ( COIE’ DAL 2005 QUANDO LA FOSSA SI E’ SCIOLTA, L’UNICA CON VIGORE COERENZA E SANI PRINCIPI – il 12 e 13 in campo )SIAMO DIVENTATI GLI ZIMBELLI D’ITALIA. FACCIAMO RIDERE IL MONDO INTERO .
    Ci fosse stata ancora oggi il migliore in capo di sabato avrebbe preso tanti di quei calci nel culo che neanche se li immaginava.
    AMICI SPERIAMO IN BENE – SOLO PER I COLORI E LA MAGLIA OVVIAMENTE PERCHE’ IL RESTO E’ TUTTO DA BUTTARE.

  3. Questa è l’ultima vergogna in ordine cronologico di questa accozzaglia di società :

    Oggi Valter Birsa, arrivato dal Genoa in cambio di Bakaye Traoré, sarà nella sede del Milan in Via Turati per firmare il suo novo contratto con i rossoneri. Il giocatore si dovrebbe poi allenare qualche giorno a Milanello, dopo di che Massimimiliano Allegri deciderà se tenerlo o meno: nel caso di cessione, c’è giù un’ipotesi di prestito al Brescia.

    QUALCUNO MI DICE CHE CAZZO LO SI PRENDE A FARE ??????
    TENIAMO I GIOCATORI CHIUSI IN UNA STANZA D’ALBERGO IN ATTESA CHE SI DEFINISCA L’ACQUISTO DI UN ALTRO E SE POI SALTA TUTTO ALLRA LI SI INGAGGIA ( VEDI MAXI LOPEZ ) OPPURE , LI PRENDIAMO IN PROVA COME SE FOSSIMO LA SQUADRETTA DI 3^ CAT.

    PIU’ PASSA IL TEMPO E PIU’ RABBRIVIDISCO

    FdL VIVE

  4. Questi siamo. Non abbiamo giocato nè meglio nè peggio di tante partite. Abbiamo un attacco evanescente nonostante i fenomeni, un centrocampo che non solo non riesce ad impostare ma neanche riesce a recuperare un pallone che sia uno ed una difesa scarsa. Aggiungiamo un portiere a corrente alternata.
    Ma la cosa più brutta è che non mi pare ci sia uno straccio di programmazione. Si parla tanto di Astori, ex Milan e non certo un fenomeno. Si parla di Matri, ex Milan, anche qui non un fenomeno, con in più, l’aggravante di “rifocillare” la Juve. Ma allora, perchè li abbiamo ceduti?
    Honda e Ljialic? Forse il Jap arriverà a gennaio, forse subito così come il serbo(?) certo che trattative così “sghembe” non le ho mai viste. Una volta, se usciva un nome, era bruciato. Adesso…
    Poi lo provi, lo prendi per prestarlo, lo prendi in prestito per valutarlo… Ho ci credi o lasci perdere. Ha ragione Donato, certe cose non le vedi neanche in 3^ categoria.
    A proposito di 3^ cat. All’oratorio mi dicevano che se uno è più alto/forte di te di testa, tu salta lo stesso e contrastalo di spalla. Non riuscirà a dargli forza sufficiente al pallone, se lo prende. Capito Zapata/Mexes/chiunquesitroviasaltaresupallainattiva. E’ ora di finirla. All’oratorio, dopo due errori due così, mi mettevano in porta.
    Comunque, sono costretto a tifare questi. Quindi, mercoledì, fatemi sognare.

  5. l’equivoco tattico è enorme. abbiamo tre attaccanti che con il 4-3-3 non c’entrano. abbiamo tre centrocampisti che con il 4-3-3 non c’entrano. abbiamo 4 difensori che se non sono protetti da una fase difensiva che, lo sanno anche le pietre, comincia dagli attaccanti, fanno figure da principianti. gli errori individuali sono indiscutibili, ma sono sempre il frutto dello sviluppo della partita. infine abbiamo un portiere modesto.

    ora le strade possibili sono due: domani si passa o domani non si passa. se si passa, forse si fa mercato. arrivano honda, matri e un difensore. e allora, se è vero che honda è un trequartista, si passa al 4-3-1-2 tanto caro ad allegri. di colpo el schaarawy e niang diventano di troppo. ma honda non è kakà. stiamo giocando col fuoco. se la difesa non viene protetta come si deve, di partite se ne perdono tante. de jong sarà anche uno che recupera palloni, ma far ripartire il gioco non è il suo mestiere. in un’azione di gioco il passaggio più importante non è l’ultimo, è il primo. de jong non è uno da primo passaggio. montolivo lo è, quando sta bene. ma se riceve una prima palla concettualmente sbagliata non trova soluzioni. quindi passa indietro dopo aver toccato palla 10 volte oppure lancia lungo. e la palla si perde. al limite arriva a balotelli che di rado va in profondità, prende un sacco di botte e spezza il ritmo.

    se non si passa, è la tragedia. ma i nostri dirigenti dovrebbero entrare in contatto con una scomoda realtà: fare mercato negli ultimi 5 giorni è pericoloso e non sempre dà i frutti sperati. la programmazione deve essere fatta a prescindere dalla partecipazione alla champions, che è sempre un’incognita se si parte dal preliminare. e a vedere la situazione di oggi, tutta la strategia stagionale è basata sulla champions. ma chi non fa la champions come fa? l’inter ha scelto per il meglio. la lazio e la roma pure, forse meglio dell’inter. poi il campo dirà la sua verità, ma i presupposti ci sono. noi stiamo mettendo tutte le uova in un solo cesto. se si rompono, gli scenari sono preoccupanti.

    a quel punto la stagione è fallimentare prima ancora di cominciare. allegri finisce sulla graticola. berlusconi, se ancora gli frega qualcosa, si incazza a morte. galliani fa da cuscino. i famosi 15 giorni tra la fine del campionato scorso e la cena di arcore si protraggono per tutto l’anno. esplodono i malumori interni, che ci sono eccome. iniziano le faide e i regolamenti interni. un casino furibondo, insomma. a meno che non si ricominci a marciare in campionato, come e meglio dell’anno scorso. ma pensare che anche quest’anno inter, roma e lazio sbaglino tutte insieme la stagione è un azzardo. mi sembra tutto molto aleatorio. troppo.

    la ricetta per vincere non esiste, ma per provarci servono dirigenti all’altezza (li abbiamo, il presidente in una società che deve camminare con le sue gambe conta relativamente), un grande manager in campo (non lo abbiamo), una squadra con ossatura granitica (la abbiamo in parte). in definitiva, quel che manca del tutto è il manager. allegri è bravo, per carità, ma non è uno dei grandi. è come mazzarri, come conte (che però sta crescendo). non è mourinho, benitez, ancelotti, guardiola, klopp. l’ho detto e lo ripeto. klopp si libera nel 2015. è da prendere. è un maestro nel costruire i giocatori dal nulla. quest’anno i principali acquisti del dortmund sono stati aubameyang e papasthatopoulos. chi se li ricorda?

  6. Equivoco tattico: Partirei dal luogo comune che “con i soldi che prendono, DEVONO adattarsi a tutti i moduli.
    Poi, verissimo che una squadra deve iniziare la difesa con gli attaccanti, ma del Verona mi ricordo due tiri pericolosi in tutta la partita ed il possesso palla è stato nostro. Ne segue che gli errori diventano fondamentali. Voglio dire, non abbiamo preso goal in contropiede, uno su su palla inattiva e uno con giocatore fermo, senza nessuno che lo contrasti da vicino, che guarda dov’è Toni e gli scodella la palla e questo, DA SOLO, la mette. Ripeto, all’oratorio mi mettevano in porta.
    Strade possibili: il recuperare palla per ripartire è, forse, il problema principale. Scindiamo in due. de Jong fa il suo lavoro, deve recuperare palla e darla a Montolivo. Lo stesso dovrebbero fare Nocerino/Muntari. Invece i signori si preoccupano di andare a segnare più che far legna in mezzo al campo. A Verona è mancato l’olandese e si è sentito.
    Ripartenza. Montolivo non è Pirlo, ma qualcosina l’ha fatta vedere. E’ l’unico che abbia un’idea di cosa si debba fare con quella sfera. Vero che se gli danno palle sporche, poco può fare, ma anche i due attaccanti esterni non hanno ben chiaro cosa vuol dire tagliare dentro o andare sul fondo e crossare indietro (certo, il Faraone ha il problema di essere solo destro, ma di cross di esterno ne ha fatti, chiedere a Pato e Pazzini). Senza contare che gli “esterni bassi” come sono definiti oggi i terzini, vogliono la palla sui piedi e mai sulla corsa (tranne deSciglio). Aggiungiamo poi che aspettano di avere l’avversario a venti centimetri prima di crossare, con il risultato di farsi rimpallare il cross (o dover crossare dalla tre quarti). Risultato finale 2 a 1 per il Verona, tanto possesso palla e due occasioni da goal
    Se non si passa, è la tragedia. Anche perchè, per chi non lo avesse capito, non c’è volontà di investire. Quindi non passare sarebbe la scusa buona per non spendere.
    Stagione è fallimentare. Non vincere niente, per il Milan è di per sè fallimentare. Se poi seguiamo il trend (Scudetto, secondo posto, terzi) finiamo anche fuori dalla Coppa, senza contare che non si intravede uno straccio di gioco.
    La ricetta per vincere non esiste. Ma sicuramente esiste quella per perdere e l’abbiamo davanti agli occhi. Aubameyang e Papasthatopoulos sono altri casi di confusione societaria (sopratutto il primo). Quanto ad Allegri, se se ne va non ne farei un dramma. Io mi “accontenterei” di Donadoni.
    Per finire una cosa extraMilan. Non so se lo sapete ma ieri è morto Gilmar, mitico portiere del Santos e del Brasile.
    Tristezza.

  7. E nel frattempo dopo aver corteggiato e perduto Strootman e Tevez, aggiungiamo un altro colpo mancato, Lijaic…. Perse altre tre occasioni di ringiovanire e aggiungere valore tecnico alla squadra. Si signori la tecnica, ecco cosa serve al Milan attuale…… oltre alle palle. Ma del resto cosa ci si può aspettare da chi ha ripreso Emanuelson ????? Mai come oggi mi vergogno della mia squadra e credo che domani si va anche fuori dalla Champions …..

  8. @ tutti

    Qualora non lo sapeste ancora ……….
    in ordine cronologico l’ultima figura di merda di questa società senza testa ne coda è :

    Milan, altra brutta notizia: il Psg blocca Sakho. Bergessio alternativa a Matri

    Mercoledì, 28 agosto 2013 – 12:00:00

    GALLIANI: “LJAJIC? NESSUNA POLEMICA” – “Ljajic alla Roma? Nessun rancore. Non c’e’ molto da commentare riguardo la vicenda Ljajic, semplicemente la Fiorentina ha deciso di prendere in considerazione l’offerta di un’altra squadra e non la nostra”.

    SAKHO LONTANO, IL PSG NON LO VUOLE CEDERE

    siamo tornati ai tempi di FARINA con una società che nessuno caga e quindi siamo ad elemosinare giocatori che non meriterebbero di giocare neanche in LEGAPRO

Lascia un commento