LA MIA SUL DERBY

Poca roba, veloce veloce.

1) ABBIAMO GIOCATO (DISCRETAMENTE) BENE
Abbiamo retto, questo sì. Dopo il gol preso a bruciapelo – e dopo l’immane cagata di Abbiati su Milito – ho pensato: «perfetto, buttata in vacca anche quest’anno». Invece no. Abbiamo reagito da squadra e abbiamo creato tante occasioni.
Solo la scarsa mira e un pizzico di sfortuna vestita di giallo non ci ha permesso di pervenire quantomeno al pareggio.

2) CREARE OCCASIONI NON BASTA
Abbiamo creato tanto, dicevo. Ma creare e basta non dà punti in classifica. Purtroppo abbiamo visto che il livello dei nostri è quello che è. Abbiamo giocato bene, ribadisco. Ma temo che questo sia il punto più alto al quale possiamo arrivare.
Avessimo avuto ancora i due parigini, sarebbe finita 4-0 senza problemi. Se l’Inter avesse giocato così, con quello spumeggiante 9-1-0 (8-1-0 dopo la dipartita di Nagatomo) che tanto fa sognare le platee.
Ma molto probabilmente l’Inter avrebbe fatto tutt’altra partita. E a loro mancavano Sneijder e qualche altro tizio.
Purtroppo per noi i due non ci sono più e, nonostante le dichiarazioni di Galliani, finalmente è palese A TUTTI che il livello tecnico della nostra rosa è squallidamente basso.

3) BUCHI PREOCCUPANTI
Se pigliamo una caterva di gol da calcio piazzato, non è colpa solo dei nani in campo. I nani in campo li devi allenare, fargli imparare schemi tattici da seguire in queste situazioni.
Ma, si è visto, ora come ora i nanazzi in campo brancolano nel buio quando gli altri calciano una punizione o un corner perché nessuno ha mai detto loro dove posizionarsi.
Non abbiamo più i due parigini a prenderle di testa sempre e comunque. Quindi, caro Allegri, inventati qualcosa per far finire questa morìa di gol subiti da palle inattive. Ché francamente mi sarei pure rotto i coglioni.
Ah, avrei pure una domanda da farti: perché ti ostini a far giocare Boateng pure se attraversa un imbarazzante stato di forma?

4) ARBITRAGGIO
Orrendo quanto si vuole, ma non si può prendere come unico pretesto per la sconfitta. Fa girare le palle, e tanto, e c’è il sospetto di scientifica malafede, ma ora come ora è necessario sopportare, lavorare duro e risalire la china.
Se ne riparlerà, eventualmente, a fine campionato.

5) CURVA SUD
ROTFL!
Pagliacci.

Milan, derby, sconfitta

LA MIA SUL DERBYultima modifica: 2012-10-09T17:24:56+00:00da igortv
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “LA MIA SUL DERBY

  1. Ottima analisi, come sempre, Igor…l’unica nota di “gossip” che mi permetto di aggiungere (d’altra parte siamo in Italia, il regno del gossip grazie al nostro Presidente ed al suo network di tv e giornali) è che mi fa sempre più tristezza constatare come la qualità del pubblico rossonero “vip” al derby va via via scemando: mi piacerebbe vedere in tribuna qualche rossonero divino come Franco Baresi, Demetrio Albertini, Paolo Maldini e qualche altro rossonero doc ed invece non vedo altro che mignotte e figuranti con occhiali da sole anche se si gioca di sera, creste ben curate, sopracciglia depilate…o sono esagerato?

  2. @ igor

    La mia sulla tua sul derby.
    Veloce veloce.
    Più o meno.

    1) ABBIAMO GIOCATO (DISCRETAMENTE) BENE.
    La partita l’ho vista due volte. Questo discretamente bene non l’ho visto, scusami. Forse un poco nel primo tempo. Ma il secondo, anche se li abbiamo tenuti un po’ lì, è stato estremamente confusionario. Sul nervoso/isterico piuttosto che sul tecnico/atletico.

    2) CREARE OCCASIONI NON BASTA.
    Questo è vero. Bisogna mettere la palla in rete. Non solo, bisogna più che altro SAPERLA mettere. E sto rimpiangendo gente come Gilardino.
    Inoltre, i due parigini non ci sono. Inutile barcamenarsi in sterili esercizi nostalgici. Thiago e Ibra sono andati via. Estrapolare ed ipotizzare come sarebbe finita con loro in campo è inutile. Non ci sono più. Punto. Lo so che dopo ti accorgi che sono partiti ed alla fine del punto 2) lo citi. Ma l’anno scorso c’erano ed abbiamo perso due volte.
    Anzi, Thiago c’era solo all’andata. L’Inter gioca da provinciale e con il 9-1-0? Intanto ha otto punti in più, e non mi sembra male. Magari con qualche bella e sana palla in tribuna e qualche intrepido catenaccione, può essere che a Udine si sfangava un punto ed a Parma si vinceva. E sarebbero stati tre punti in più. Che uniti ai sette faceva dieci. Con conseguentemente una posizione in classifica meno inquietante.

    3) BUCHI PREOCCUPANTI.
    Può essere giusto quello che dici. Aggiungerei però che Abbiati viaggia alla media di una cappellata gigante a partita. Troppe.
    Non mi ricordo bene le altre partite, però:
    – Con l’Inter ne ha fatte due. Una su un’uscita sballata.
    – Con lo Zenith altra uscita sballata.
    – Con l’Udinese altra uscita sballata sul primo gol, oltre che spettatore sul corner del secondo gol su rigore. Per cui, non-uscita=uscita sballata.
    – Non immune da colpe nemmeno a Parma.
    Anche se ho il sospetto molto forte che tenti di fare quelle uscite sballate perchè non si fida della sua difesa. Per cui è portato a forzare perchè capisce che i suoi compagni ne prenderanno poche. Non so….. è solo un’ipotesi. Ribadisco quello che ho scritto mesi fa. Su Handanovic dovevavo arrivare noi. Ma tant’e….. Allegri ha cambiato nove volte su nove la difesa. Si fissi su quattro o tre difensori e vada avanti con quelli. Tanto, cambiare sempre la difesa ci ha fatto fare nove figure di merda, più o meno. In merito a Boateng, ormai credo che partirà a gennaio, così come Robinho.

    4) ARBITRAGGIO.
    Lo visto anch’io che l’arbitro ha fatto di tutto e di più. Ma in cinque partite a San Siro abbiamo fatto due gol, igor.
    DUE!!!!!
    – 0-1 con la Samp
    – 0-1 con l’Atalanta
    – 0-0 con l’Anderlecht
    – 0-1 con l’Inter
    Qui non si tratta di lavorare duro. Si tratta di fare le nozze con i fichi secchi. Anzi, secchi e marci. Se penso che quel scaricabarile di Galliani ha osato dire che con De Jong (strariserva a Man City), Krkic (prestito di un prestito) e Pazzini (scaricato dai cugini) avevamo colmato il gap con la Juve. Così adesso saranno sempre cazzi di Allegri. Che ha dovuto non avvallare, ma accettare forzosamente la campagna acquisti/cessioni più allucinante e demenziale della storia rossonera.

    5) CURVA SUD
    ROTFL!
    Ok, d’accordo. Sono pagliacci.
    Ma “ROTFL” cos’è? Un acronimo? E se sì, cosa significherebbe? Grazie per l’eventuale spiegazione.

    6) PROPRIETA’ E DIRIGENZA.
    Aggiungerei un punto (6).
    Della dirigenza sappiamo già tutto, inutile dilungarsi.
    Mi chiedo, in merito alla proprietà, come possa una persona non farsi sentire dalla sua tifoseria. In un momento come questo che è il peggiore degli ultimi trent’anni, con la squadra sull’orlo di una catarsi profonda, incontrollabile e con la seria possibilità di lasciare la serie A, mi chiedo come il massimo dirigente rossonero, o presunto tale, non senta il bisogno, la necessità o il dovere di spiegare ai suoi tifosi di cui si sente il primo della fila, quali sono le strategie sul breve periodo, cosa conta di fare, quali sono o sarebbero gli obiettivi REALI di quest’anno, e soprattutto quali sono i programmi per il futuro. Perchè se non ci sono soldi e non si può spendere ora, non ci saranno soldi e non si potrà spendere neanche in futuro.
    Per cui, che tipo di Milan vede, lui, per i prossimi anni?
    Venga a spiegarcelo per favore. Anche solo cinque minuti mentre disfa i bagagli tornando dal troiaio in Kenia per rifarle per andare al troiaio in Russia. Passando dalla Nicole Minetti, nel frattempo.
    Ci dica, tra un paio di tette ed un deretano, tra una non candidatura ed uno sproloquio politico, mentre sguazza tra i cazzi suoi e conta i dividendi corposi di Mediaset, cosa ha intenzione di fare.
    Perchè, al di là delle responsabilità di Allegri, al di là degli errori arbitrali, al di là del fair-play finanziario e dei bilanci in positivo, nella malaugurata ma non impossibile eventualità che si torni a giocare nella serie minore, questa proprietà come cazzo pensa di giustificarsi, davanti ai tifosi. ?
    “sì, siamo retrocessi, ma abbiamo finalmente il bilancio a posto?”.

    Bye

  3. Punto 1. No, dai, abbiamo giocato discretamente. Palle goals ne abbiamo create, il pallone girava a velocità discreta. Se poi nessuno la butta dentro.
    Punto 2 Gli assenti sono assenti. Vediamo di giocare per i presenti, magari con traversoni dal fondo e non dalla tre/quarti.
    Punto 3 In difesa, l’unica cosa che mi viene in mente è: ognuno si prenda un uomo e lo lasci quando è negli spogliatoi. Mettiamo un attimo a riposo Abbiati e poi… ognuno preghi i propri dei. Comunque Mexes e Yepes non mi sembrano proprio nani.
    Punto 4 Questa volta mi riesce difficile non credere alla malafede dell’arbitro. Ha fischiato a senso unico sulle decisioni cruciali. Già ci facciamo del male da soli…
    Punto 5 ?????
    Punto 6 Dirigenza incomprensibile indubbiamente. Abbiamo ceduto dei Primavera per andare a prendere dei giocatori che, ad esser buoni, sono alla pari. Tanto valeva tenersi i ragazzini. Si risparmiava sugli ingaggi e si aiutava il bilancio. Mi viene un dubbio. Ma non è che Berlusconi applichi la prima legge del genitore perfetto, IO TI HO FATTO, IO TI DISTRUGGO?

  4. @ giorgio

    PUNTO 6 (abbastanza cruciale, vedo…..)
    Più che il genitore “perfetto”, sembra anche Hitler nel 1945, quando, dal suo bunker di Berlino sproloquiava delirando che la Germania non lo meritava, e che se non era in grado di seguirlo fino alla fine, che morisse distrutta dall’apocalisse, bla bla bla… e psicodemenzialità del genere.

    PUNTO 3
    Io lo metterei anche a riposo, il prode Christian. Per far giocare chi? Nonna Amelia? Mamma mia….
    Peccato che siamo in una posizione di classifica preoccupante, altrimenti proporrei di far giocare il giovane Gabriel. Almeno si darebbe un senso logico all’acquisizione del ragazzo. Non perchè magari non sia bravo. Ma perchè se devo occupare uno dei due posti da extracomunitario, lo faccio giocare. NON LO OCCUPO PER UN TERZO PORTIERE, CAZZO!!!!! Che praticamente non gioca mai. E’ come se quest’anno avessimo acquisito un solo extracomunitario invece che due. Chi, poi? Zapata! Avessi detto Piquè!…..

    PUNTO X (ics…)
    Allegri può piacere e non piacere. Oltre ai suoi limiti ed alle sue testardaggini, ci sono i comportamenti da checca isterica con Inzaghi prima e con l’arbitro dopo. Doveri è uno stronzo ed un incompetente tremebondo e corrotto. Ma se fossi stato al suo posto, avrei buttato fuori Allegri già solo per come mi ha chiamato. Non lo sarei neanche stato a sentire.
    Ma quello di dare i cinque giorni al tecnico, quello di far dipendere la sua permanenza alla partita con la Lazio, è il solito esercizio meschino tipico di dirigenze da quattro soldi falsi. Quello praticamente che non eravamo e che ora purtroppo siamo. Quella è una partita che probabilmente perderemo. E perderemo alla grande.
    Poi….. cosa fai?
    Licenzi il tecnico prima della partita di Malaga? Allora licenzialo adesso.
    Oppure dovevi licenziarlo prima, quando le cose andavano veramente male. Perchè farlo ora che, a parere di tutti, qualcosa di positivo pare saltare fuori? Ora che la squadra, pare, comincia ad avere una parvenza di gioco, lo mandi via?
    E comunque lo ripeto: la cazzo di proprietà….. dov’è?

    Bye, fratello

  5. …mi sembra di sentir parlare gli interisti dell’anno scorso…
    capisco lo scoramento ma pensare alla serie b quando ci sono squadre come Pescara, Chievo, Siena, Torino e non so quante altre mi pare un tantino catastrofico.
    Magari finirete in Europa League, magari più su, magari un pelo più giù, ma in ogni caso aspettate e vedrete che a Gennaio qualche bella sorpresa ve la regaleranno, perchè troie o non troie non credo che il nano lascerà sprofondare quella che è stata la sua rampa di lancio per la conquista del paese, tantopiù che ci è legato ancora tramite Hot Barbarella.
    Animo cuginastri, dal fondo si può solo risalire!

    PS per il punto 4
    Arbitro scandaloso, son d’accordo, ma mica vi può andare sempre bene! 😉

    A risentirci

    AMALA

    SEMPRE!

  6. @Plastico

    amico….. io penso alla serie B perchè NON vedo squadre inferiori, va bene?
    Questo, perlomeno, al momento attuale.

    Ci sono delle differenze sostanziali ed importanti tra l’Inter dell’anno scorso, l’Inter del 2010 ed il Milan odierno.

    Nel 2010 feceste tutti (TUTTI!), compreso il Presidente Moratti, la fronda a Benitez perchè questi ha voluto imporre il suo modo di vedere il calcio sbattendosene i coglioni del Mou. Cosa di cui non smetterò mai di ringraziarvi perchè è stato grazie anche a quella fronda che abbiamo vinto lo scudo.

    L’Inter dell’anno scorso, quella di Gasperini prima e di Ranieri dopo è stata una confusionaria e a volte comica rappresentazione. Ma avete perlomeno vinto i due derby e ci avete fatto perdere il campionato. O comunque avete contribuito. Come era vostro dovere fare, per carità.

    Ma ci sono due differenze.
    La prima è che avete avuto la costanza di trattenere alcuni senatori di grosso spessore. Pur nel desiderio di rinnovare, non avete sbracato e svenduto nascondendovi dietro l’alibi del fair-play finanziario come ha fatto il nostro Presidente (ma ne abbiamo uno?).
    La seconda è che un Presidente lo avete ancora. Magari (dal nostro punto di vista…..) rompicoglioni, aggressivo, arrogante, tutto quello che si vuole, ma PRESENTE! Quando deve o vuole dire qualcosa si ferma sempre sotto il suo ufficio e rilascia dichiarazioni, sproloquia sentenze, enuclea teoremi del cazzo (sempre secondo noi…..), ma C’E’!!!!! Magari farà errori, sballerà qualche acquisto o qualche cessione, si circonderà qualche volta da persone di poco conto, ma è e rimane un punto di riferimento.

    Il nostro?
    L’ultima volta che abbiamo sentito il nostro Presidente (ma ne abbiamo uno?) era l’autunno del 2010, quando sparava cazzate su Ronaldinho e di come fosse il più grande fuoriclasse transitato da Milanello. La statua di Rocco si sarà fusa dalla vergogna.
    Successivamente abbiamo visto il nostro Presidente (ma ne abbiamo uno?) a San Siro pontificare filosofie spicciole sull’intelligenza altrui durante Milan-Barcellona. Come se lui fosse un genio calcistico. Sto ancora aspettando che il nostro Presidente (ma ne abbiamo uno?) ci/mi spieghi in che modo avremmo dovuto giocare con il Barça. A prendere per il culo la gente, è un genio. Lì, non lo batte nessuno.
    Da allora, silenzio. Del nostro Presidente (ma ne abbiamo uno?) se ne sono perse le tracce. Stavo pensando di contattare “Chi l’ha visto?”.

    Il problema è che questa squadra è SPAVENTOSAMENTE SCARSA e preoccupatamente LASCIATA A SE STESSA senza alcun punto di riferimento in campo sul quale appoggiarsi. Voi, almeno, nei momenti peggiori di questi ultimi due anni, Cambiasso… Milito… Stankovic… ZANETTI!….. li avevate.
    Abbiamo perso in casa tre partite su quattro, e malgrado l’ottimismo di alcuni, non vedo cambiamenti di rotta. Soprattutto nei momenti di difficoltà quando si dovrebbe dare una sterzata. Ma per il nostro Presidente (ma ne abbiamo uno?) la squadra parrebbe competitiva. Per cosa, poi, lo sa solo lui.

    Per cui, l’incubo delle serie B è presente ed incombente. Nel caso, vatti a vedere le quote del bookmakers inglesi, a riguardo.

    Nel frattempo, aspetto fiducioso che il nostro Presidente (ma ne abbiamo uno?) si decida a dire qualcosa, e ad illuminarci in merito al futuro radioso che secondo lui ci aspetta.

    Con amicizia, bye

  7. @ Plastico: “PS per il punto 4
    Arbitro scandaloso, son d’accordo, ma mica vi può andare sempre bene! ;-)” Ti odio, in amicizia neh!
    Comunque è vero, certi commenti sono tali e quali quelli di Settore , di la del Naviglio.

    Punto 3 Metterei sia Amelia la strega che amalia che “Peter” Gabriel. Abbiati, dopo le sostituzioni, si è sempre ritrovato. Il concetto è: Cristià, a ripijate!

    Allegri. sentendo bruciare la panca, è ovvio che abbia reazioni isteriche. D’altronde, le risse in TV le ha importate un canale a noi vicino.

    Stancamente, FORZA MILAN

  8. @albo: ROTFL è un acronimo. Equivale a “Rolling On The Floor Loughing”, ossia “mi rotolo per terra dal ridere”.

    E’ un espressione usata in rete, soprattutto nei newsgroup, come abbreviazione.

    per il resto, mie opinioni:

    – alla B non ci credo manco per il cazzo;
    – per una volta, ma solo per togliermi una curiosità finora insoddisfatta, vorrei vincere un derby in questo stesso modo (o, in subordine, vedere annullato un gol-scudetto alal juve dentro di un metro).
    Così.
    Solo per gustarmi, patatine e birra in mano, lo spettacolo di milioni di fegati che esplodono come mortaretti.

  9. Caro Igor la mia epatite condivide!
    Però ricordo un tempo in cui eravamo più forti di tutto anche dello strabismo arbitrale…
    Il mio romanticismo potrà essere riesumato dagli sghei russi? O da quelli arabi? Dai sù…per 600 milioni ci leviamo il nano dai c……! Dove andremo a finire?
    Non so voi ma io mi sto appassionando a tutta sta storia…

  10. Non so tu, igor, ma io la retrocessione “gratis” (come diceva l’avv. Prisco)l’ho vista e vissuta e la rivedo nel gioco(?), nelle sfortune, nelle sviste arbitrali, nei goals sbagliati di un soffio, negli occhi persi di questa squadra. Spero di sbagliarmi.
    Per quel che riguarda la “telenovela”, personalmente mi rompe. Serve solo a distogliere l’opinione pubblica dalla pochezza di queso Milan. Così come certi nomi per il mercato di gennaio. Siamo alla canna del gas… e ci hanno pure tolto il gas!
    Serie A, serie B, i leoni sono qui.

Lascia un commento