COMMOVENTI

Uno 0-0 sudatissimo, ottenuto stringendo i denti e il culo, con un rigore e mezzo per loro e i primi due minuti di follia per noi.
E’ stato un match a tratti commovente, nel quale trovarsi di fronte i marziani ha dato alle nostre vecchie calzette degli stimoli inaspettati.

Commovente è stata la scelta di Allegri (ciao Max) di spremere nei giorni scorsi Thiago Silva e di perderlo per un mese proprio nel momento meno opportuno della stagione.

Commovente è stato il ritorno in campo di San Drone Nesta proprio in questa partita. E’ durato quel che è durato, ma ci serviva come il pane. senza di lui, la Barbie transalpina sarebbe andata in merda quasi subito.

Commovente è stato il piede destro di Robinho dopo due minuti e il sinistro loffio di Ibrahimovic dopo trenta; un po’ meno commoventi i miei bestemmioni.

Commovente è stato vedere Seedorf e Ambrosini giocarsi le ultime carte a loro disposizione, rinfoderare le ciabatte, sguainare gli scarpini affilati e giocare come dio comanda.

Commovente è stato Emanuelson mentre incespicava sul pallone come uno scarpone qualunque e cincischiava davanti a Valdez con il pallone sul destro pronto per essere scagliato a rete; commovente è sapere che il destro Emanuelson non lo usa nemmeno per salire sul bus.

Commovente è stato l’arbitro per non averci fischiato due rigori contro; non ha neanche ammonito Messi e Xavi e buttato fuori Keita per delle entratone a falciatrice, ma tutto sommato va bene così.

Commovente è stato El Shaarawy e tutto il suo cagarsi addosso di fronte agli extraterrestri.

Commovente è stato Luca Antonini e i suoi due recuperi miracolosi, uno per tempo, su Sanchez e su Tello; diamo a Luca ciò che è di Luca: ieri sera se l’è cavata alla grande.

Commovente infine è stato Daniele Bonera che ha disputato un match praticamente perfetto; criticato molto spesso, Daniele ha tre grandissimi pregi: rispondere sempre presente quando viene chiamato senza discutere le scelte del coach, saper lasciarsi scivolare addosso le critiche (che partono anche da questi lidi) ed essere un vero cuore rossonero.

Ora, siccome c’è anche la gara di ritorno a Barcellona martedi prossimo, vediamo di essere meno commoventi e magari tentare l’impresa.

Ormai abbiamo dimostrato che, comunque vada, la testa la teniamo sempre altissima.

milan, barcellona, pareggio, partitona, qualificazione aperta

COMMOVENTIultima modifica: 2012-03-29T14:14:21+00:00da igortv
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “COMMOVENTI

  1. Eh beh, non sarà stata la partita del secolo, ma sicuramente abbiamo dato tutto quello che c’era da dare. Se poi Bonera e Antonini riescono ad essere tra se non I migliori in campo, se vedi correre Seedorf, se vedi che non approfittano delle vaccate di Mexes, se vedi che non gli danno un rigore solare (su Puyol per intendersi, Sanchez cerca Abbiati e si butta, guardate bene), se anche Mesbah non fa niente, ma quel niente lo fa bene… allora sì, ti commuovi e pensi “SIAMO UNA SQUADRETTA, MA SIAMO LA SQUADRETTA PIU’ GRANDE DEL MONDO”, perchè, cara Ecli (scusa se ti rispondo solo ora), le critiche sono per amore, perchè speri che chi di dovere le legga e agisca di conseguenza, rinforzando la squadra con qualche fuoriclasse, oltre che con campioni e onesti lavoratori del pallone.
    E SEMPRE, COMUNQUE, QUANTUNQUE E OVUNQUE FORZA VECCHIO DIAVOLO.
    Ed ora a Barcellona per cullare un sogno. Passando da Catania.

  2. Alcune considerazioni al minuto 69 di Catania-Milan.

    Allegri è un idiota, Emanuelson imbarazzante, Aquilani fisicamente non in grado, Abbiati non esce a mezzo metro dalla linea di porta e segna Spolli, dico Spolli !!!! Nocerino avrà fatto anche 10 gol ma è assolutamente inutile per tutto il resto. Se soffriamo cosi a Catania credo che a Barcellona ne prendiamo 8 !!!!

  3. Il Milan probabilmente, anzi quasi sicuramente, verrà eliminato dal Barcellona. Per evidente inferiorità.

    Il Milan perderà il campionato, probabilmente. Anzi, quasi sicuramente.
    Per evidente malafede.

    Marotta sproloquia, Conte vomita stronzate, Agnelli rilascia interviste.
    Che bello! E si lamentano pure.
    E noi lo prendiamo nel culo.
    Dicono che Bergonzi non lo vogliono più e che succede? Viene mandato ad arbitrare il Milan. Ma vi sembra normale?
    E continuiamo a prenderlo nel culo.
    Inaugurano il loro stadio, invitano il presidente Federale e che fanno? Lo fanno passare attraverso il corridoio dove ci sono in bella evidenza lo scudetto n°28 e quello n°29 come se fossero forche caudine (che peraltro Abete meriterebbe).
    Qualunque Presidente Federale si sarebbe rivolto incazzato e con dito indice puntato in faccia gli avrebbe intimato di rimuovere quei due obbrobri.
    Invece il nostro ineffabile Abete sorride compiaciuto.
    Leccaculo di Moratti prima e di Agnelli ora.
    Se, come purtroppo ho paura avverrà, “assegneranno” questo scudetto alla Juve, dovremmo tutti emigrare e chiedere l’iscrizione ad altri tornei. Capaci, questi della Rubentus, di presentarsi con la terza stella.
    Dovremmo andare a giocare altrove. Tutti. Che si li vincano da soli, questi pigiamati maledetti, i loro scudetti comprati.
    E ci ritroviamo sempre e solo noi sempre più sfondati in quel posto.
    1972, 1973, 2005, 2012. Per non parlare degli anni prima.
    Ma possibile che, indipendentemente da chi lo vince, gli unici scudetti nella storia del calcio italiano che si possono definire regolari SONO SOLO QUELLI CHE LA JUVE NON VINCE?
    Anche oggi due fuorigioco inesistenti fischiati contro, più il gol di Robinho non dato.
    Poi, avrà anche ragione Mirko. Abbiati uno pseudoportiere, Allegri un idiota, Robinho un mangiagol e Nocerino un mica buono.
    Beh… io te la dico chiara, Mirko. A Barcellona ne prendiamo 8? A me, di quanti ce ne potrebbe fare il Barcellona, non me ne frega un cazzo!
    VOGLIO VINCERE QUESCO SCUDO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Bye a tutti

  4. @ stefano

    hai detto la frase giusta: “DAL VIVO”.
    Non dobbiamo farci fuorviare dalle moviole, cha hanno l’unico scopo di confonderci le idee. “DAL VIVO” è anche l’impressione che hanno i direttori di gara. L’unica cosa che so è che non mi sembra ci siano due episodi del genere A CARICO o A DANNO di una squadra nello stesso campionato. A FAVORE può darsi che possano capitare. Non mi ricordo in che anno, ma il gol dell’Udinese dentro di un metro a Torino e quello dell’Empoli dentro di due spanne a Empoli appartengono alla stessa stagione e A FAVORE di una squadra. La Juventus… ma guarda un po’!

  5. @ Albo

    Va bene tutto, ma farsi mettere sotto dal Catania e per 20 minuti non riuscire ad uscire dalla nostra trequarti è sconfortante, non ci sono episodi che tengano. Sullo scudo voglio vincerlo anch’io fortemente perchè questi rubentini di merda stanno tornando di gran carriera a buttare fango su quanto di buono c’è stato nei campionati in cui loro erano in B o relegati dal sesto posto in classifica in giù……

  6. @ stefano

    te lo dico per amore di cronaca e di verità. Di quella stagione (1997-98 credo si tratti. Correggimi se sbaglio…) i Rubentini sostengono che fu l’Inter a godere della maggior parte di sviste arbitrali. Dato che per conformazione mentale accetto per fede solo Gesù Cristo mentre per il resto, se posso, verifico, andrò a sincerarmene. Se trovo qualcosa te lo farò sapere.
    A me sembra una “puttanata”…..
    Quello che so è che ho una lista lunga “CHILOMETRI” di squadre trombate dalla Juve sul testa a testa, con tanto di avvenimenti a comprovazione. Ce n’è di tutti i tipi. L’Inter… la Roma… il Milan… il Torino… la Fiorentina…
    Non è possibile che tutti i testa a testa li vincano loro. Sarebbe addirittura fuori da qualunque schema numerico statistico. Sarebbero un’anomalia. Un’aberrazione. Sarebbero disumani, offensivamente perfetti. Non esiste.

    Bye

Lascia un commento