CAPITAN INVERNO

Ricapitoliamo:

1) figuraccia a Roma contro la Lazio.
2) semifiguraccia in casa contro il Napoli (Ibrahimovic cacca e Aronica di più).
3) seria difficoltà in coppa Italia contro i pigiamati (Chiellini vattene a fare in culo, vigliacco: anche la prova TV ti ha smentito).
4) oggi si va a Udine in grossa difficoltà di organico.

Ho paura che oggi sarà molto ma molto dura: l’udinese è da sempre la nostra bestia nera.

Speriamo che questo gelido inverdo finisca quanto prima.

milan, udinese, bivio, momento cruciale

CAPITAN INVERNOultima modifica: 2012-02-11T17:46:18+00:00da igortv
Reposta per primo quest’articolo

16 pensieri su “CAPITAN INVERNO

  1. @ igor

    Un paio di appunti, se posso.

    Sono pienamente d’accordo sul fatto che Ibra sia un minchione. Ma rispetto agli altri due, diventa un cherubino.

    ARONICA: letterale uomo di merda. Ma neanche una merda normale, ma una cacchina stitica. Perchè se uno ha bisogno di provocare in continuazione (e non è la prima volta, anzi!) per giustificare soprattutto a sè stesso la propria presenza su una campo di gioco vuol proprio dire che è un uomo da poco. Un letterale nessuno. Oltretutto indicando a Ibra “visto, coglione? tanto ho fatto che ti ho fragato. E ti becchi pure tre giornate. tiè!”

    CHIELLINI: Questo scarto di umanoide le supera tutte. Non ha neanche la decenza di stare zitto. Perchè non vi va a rivedere i due senesi che a steso a calci e gomitate in cinque secondi?
    Sputtanato non solo dalla TV ma anche dal suo compagno di squadra.
    Vatti a nascondere in un letamaio, che è quello il tuo posto, fetente!

    Bye, e scusate i francesismi.

    N.B.: Perdonami igor, ma stavolta la bestia bianconera si è ritirata guaendo e con la coda tra le gambe, per una volta.
    E in quanto ai termini un poco pepati di cuii sopra, scusami ma provo fastidio per gente come Aronica e Chiellini.

  2. Udinese-Milan 1-2. Primo tempo indecente, secondo con grinta e voglia, anche di correre senza palla. Vittoria importantissima.

    Note positive:
    Maxi Lopez – alternativa utile a Ibra. Altro che Borriello…
    El Shaarawy – il giovine ha talento, corsa e senso del gol. Meriterebbe anche la maglia da titolare settimana prossima.

    Note negative:
    Seedorf – lento, indisponente e bravo solo a lanciare i contropiedi friulani. Appendere adesso le scarpe al chiodo dopo aver dato tanto sarebbe gesto intelligente.
    Robinho – non corre, non passa, non salta l’uomo, non tira (figuriamoci se segna…). Almeno a Udine ha pagato il biglietto? Altrimenti al Friuli manco doveva entrare. Panca per favore, a partire dall’Arsenal.
    L33

  3. Abbiamo vinto… bene.

    Abbiamo preso preso Maxi Lopez proprio perché sarebbe tornato utile in assenza di IbrahimoBitch… ma allora, Allegri perché cacchio è che lo hai messo dentro solo gli ultimi 20 minuti???

    Obiettivamente… era evidente che la squadra aveva bisogno di qualcuno là davanti… El sciaraui partiva da dietro, Robino idem (per non parlare della prestazione… il burro sugli scarpini non si mette!)…

    Comunque il secondo tempo mi è piaciuto.
    Vero, abbiamo rischiato con qualche contropiede (complimenti all’Udinese che è sempre un piacere vederla giocare), ma abbiamo visto una partita di calcio, con 2 squadre che giocavano per fare gol, non per prendere un gol in meno rispetto agli avversari. Questo è il calcio!

    Seedorf basta, vi prego. Io capisco che è un giocatore di esperienza, ma nel calcio moderno se non sei veloce a giocare la palla non vai da nessuna parte, e Udine insegna.

    Per ora, mi piacerebbe vedere suddetta formazione in campo:

    – Abbiati (o Amelia… poco cambia)
    – Ignazio
    – Mesbam
    – Thiagone
    – Filippo
    – Nocerinho
    – Van Bommel Marco
    – Boa boa teng teng!
    – El sciaraui
    – Robinho
    – Maxi Bon Lopez

    Io credo che con questa formazione il Milan potrebbe avere buone possibilità di far vedere un bel calcio… cosa ne pensate?

  4. @ Alex

    che personalmente non sono molto d’accordo. Nella formazione che hai descritto c’è un solo incontrista, e neanche tanto propenso a quel ruolo (Nocerino), gli altri due sono un pioppo semovente come Marco Van Bommel (che infatti è il giocatore con il raggio d’azione più limitato) e il cui compito primario è far ripartire l’azione una volta ripresa palla sulla tre quarti. E il terzo è il Boa, che è meglio faccia altro piuttosto che fare il mediano. Che poi quello che fa lo fa benissimo, per cui continui a farlo, cioè giocare dalla tre-quarti avversaria in su. Ne consegue che, a mio parere, siamo alquanto deficitari in mezzo al campo. Ovvero siamo troppo pochi. L’Udinese ieri ci ha fatto un culo così per un’ora, con i suoi cinque a centrocampo.
    Per cui, questo 4-3-3 che hai prefigurato, non contempla che due delle tre punte si facciano il mazzo a coprire quando ci si deve difendere. Al massimo qualche volta torna Robinho, ma è un mestiere che comunque non sa fare molto bene. Dovrebbero tornare molto le due punte laterali, o due punte su tre, per proteggere i due laterali di difesa, altrimenti il centrocampo viene regolarmente saltato e la difesa sarebbe sempre in sofferenza. Io metterei un centrocampista in più, o un trequartista capace di arretrare nelle fasi di non possesso palla, e farei giocare o El Sharaawi o Robinho, non tutt’e due insieme. Sempre considerando che un punto di riferimento avanzato in mezzo all’area ci vuole sempre (Ibra o Lopez). Non per niente Allegri si era inventato i tre mediani, l’anno scorso, per supportare il trequartista avanzato e le due punte.
    Io personalmente la vedo così. Mi sembra, la tua, una squadra troppo fragile in mezzo al campo e poco protetta.

    Bye

  5. @Alex: diciamo che con Aquilani e il Principe Guerriero trequartista e Cassano al fianco di Ibra, abbiamo visto il miglior Milan di stagione, capace di rimontare cinque punti alla Juve, per cui, dato che Fantantonio non rientra, vedrei il Piccolo Faraone al fianco di Maxicono Lopez (in attesa di Ibra) e Ambro, Vb, Nocerinho con KPG davanti. Quando poi recupera Aquilani, Ambro lo alternerei con vB, tanto per non sfiancarli.
    Quanto poi a vendere Ibra, beh, non sono mai stato un suo fan e quindi che se ne vada pure a Madrid. Però è indubbio che quest’anno è fondamentale.
    Sento già la “musichetta” di Haendel e quindi… ci leggiamo giovedì

  6. Come già detto il 11/02 u.s., se Aronica è “uomo di merda” e Chiellini “scarto di umanoide”, difficile definire cosa sia Luis Suarez. Non quello mitico della Grande Inter, ma quell’ometto attuale, che gioca nel Liverpool, sporcandone la leggendaria maglia con un comportamento da fanatico del Klu Klux Klan. Ma come, tartassa di epiteti razzisti Evra, gli dice che è un “negro di merda” per ben sette volte, gli ridice “sai perchè ti ho fatto quel fallo? perchè sei un negro di merda”, e poi ha anche la spocchia di fare l’offeso?
    Nessuno gli ha sputato in faccia come meritava, e gli è anche andata bene. Bene hanno fatto Evra a strattonarlo e Rio Ferdinand ad ignorarlo.
    Si dovrebbero offendere anche i cugini, perchè ha sporcato il nome di un signore e di un fuoriclasse con un comportamento da decerebrato.

    Quando l’ho visto in TV non ci volevo credere…..

    E’ proprio vero, la madre degli imbecilli è sempre incinta, purtroppo.

    N.B.: Da noi non succede niente. A lui, in England, per epiteti razzisti, il signor Luis Suarez si è beccato otto giornate. OTTO…..

    Bye a tutti

  7. @ mirko

    Può essere che con Abbiati si sarebbe perso. Non si sa.
    A Bologna Amelia ha fatto al sua bella ciofeca sul 2-2. Per cui, forse, ma dico solo forse, magari con Abbiati a Bologna si vinceva. Rubacchiando, ma si vinceva.

    Mi sa che chi metti metti…..

    Bye

  8. @ Albo

    ciao cugino, volevo riallacciarmi al discorso di Suarez perchè ne ho sentite talmente tante che non ho capito di preciso cos’è successo.
    Riassumo:
    -marianella su sky sabato ha detto che Suarez avrebbe detto, durante un’intervista:”negro tra parentesi”.
    -su internet leggo che la faccenda sarebbe stata più o meno così: Evrà dice a Suarez “tieni giù le mani sudamericano” e Suarez risponde “porquè negro” (inteso che negro in sudamericano non è considerato razzista, dato che non ci sono altre parole per descriverlo).
    -sempre su internet c’è chi dice che Suarez aavrebbe detto “negro” per sette/otto volte di fila…

    Ora, stabilito che il calcio giocato è meglio che lo lascio perdere, vorrei chiedere se qualcuno ne sa qualcosa di più preciso…

  9. @ Plastico

    esattamente quello che ho scritto sopra.
    Ora, in un mondo globalizzato non frega niente a nessuno se in sudamerica “negro” non è offensivo. Può essere.
    A Milano “pirla” significa uno che va in giro a fare niente con espressione decisamente poco concentrata. Un fancazzista allegro, insomma. Quasi un “epiteto” simpatico. Se lo dici in qualunque altra parte d’Italia, non credo che stimoli nell’interlocutore reazioni con sorrisini di condiscendenza. Anzi. E’ possibile che ti becchi una papagna in faccia.
    A casa mia, e forse non solo mia, se continui a ringhiare in faccia a uno “negro” per sette volte e “sai perchè ti ho fatto quel fallo? perchè sei un negro!”, come ha fatto lui lo scorso ottobre a Liverpool nella partita di andata, non credo che il senso con qui gli rivolgo quella parola è perchè a casa mia non è un insulto. Rimane un insulto ed una provocazione.
    E poi, scusa, se certe parole per me non sono pesanti ma per la persona a cui le rivolgo sono un insulto sanguinoso, per rispetto non gliele rivolgo. Evito di offenderlo. Per me “dofkvodfkjviodjfn” magari non è niente. Magari, se lo dico a te, “dofkvodfkjviodjfn” è un ‘offesa tremenda. Se so che per te è un’offesa, non te lo dico. Giusto?
    Quindi, ne consegue che, a mio parere, il sig. Suarez Luis da Montevideo ha offeso sapendo di offendere, e si è beccato, GIUSTAMENTE, otto giornate, ed incredibilmente, invece di stringere la mano ad Evra perlomeno per considerare chiuso l’incidente, ha pure fatto l’offeso.
    Ma che vada a…..

    Bye

  10. @ Albo

    in linea di massima son d’accordo con te, i comportamenti razzisti m’han sempre fatto schifo, solo che non mi va che Evra passi per povera vittima, perchè se è vero che anche lui gli ha detto qualcosa (e sottolineo SE) anche lui qualche giornata avrebbe dovuto scontarla.
    Insomma, per riportare il tuo esempio, se qualcuno mi dicesse “balùba”, o “mòna” o quello che vuoi te, beh, io del “pirla” glielo do…
    Comunque sono dell’idea che anche nel nostro calcio dovrebbero massacrare i razzisti.
    Ciao

Lascia un commento