BUONE NOTIZIE

Buone notizie, finalmente:

1) 4 punti su 6 senza centrocampo e portiere titolari e con Nesta ancora fuori. Lo scorso anno in queste condizioni avremmo fatto 0 su 6, e di questa inversione di rotta me ne compiaccio. A meno che la falcìdia di giocatori diventi standard, ma qua entriamo nel campo della sfiga.

2) Anche se sotto 3-1 contro l’Udinese (che in casa ci ha sempre fatto penare) abbiamo finalmente tirato fuori le palle e la voglia di vincere. Erano almeno 7 anni che non succedeva.

3) Volenti o nolenti, Pato la imbusta sempre. Non può giocare assieme a Robinho e Ibrahimovic contemporaneamente, sia chiaro. A meno che non impari che esiste anche una fase difensiva nel gioco del calcio, e si decida ad applicarvicisi tenacemente.

4) Le prossime due di campionato sono col Lecce in trasferta e col Cesena in casa. Non me ne vogliano i tifosi di queste due società, ma per QUESTO Milan dovrebbero essere 6 punti sicuri. Sperando di non ripetere la partita di Cesena, però.

5) Torneranno disponibili vari infortunati e/o squalificati per queste due sfide, aumentando così la qualità e la tenuta complessiva della squadra. Strasser ha comunque fatto bene quando è stato chiamato in causa (Merkel un po’ meno); ora però è giusto lasciare spazio ai titolari, consaqpevoli però che si son guadagnati sul campo la stima di mister e tifosi.

6) Onyewu è in prestito al Twente. Liberando di fatto uno slot per l’acquisto di un difensore centrale, che ci serve. Qualcuno dice Philippe Mexes: personalmente non impazzisco per il francese, vedremo. Sarebbe più urgente la ricerca di un terzino, ma dubito che ci sia abbastanza cash a disposizione.

7) Ronaldinho è del Flamengo. Ma questa notizia merita un post a parte.

8) Abbiamo arbitri, guardalinee e quarti uomini completamente ai nostri piedi. Controlliamo totalmente il campionato, decidiamo le sorti delle partite (sì, anche quelle delle nostre avversarie) e abbiamo in mente di conquistare l’universo.
Per la prossima stagione abbiamo previsto una modifica al regolamento: il Milan scenderà in campo SEMPRE con un uomo in più e con tre gol di vantaggio.

Sappiatelo.

acmilan_home_onyewu1.jpg

BUONE NOTIZIEultima modifica: 2011-01-11T15:55:00+00:00da igortv
Reposta per primo quest’articolo

46 pensieri su “BUONE NOTIZIE

  1. Ahahah, mi è piaciuto il post…. ;-).
    Comunque da interista ti devo dare atto del fatto che sei simpatico, sportivo ma soprattutto, seppur milanista, non neuroberlusconizzato.
    Comunque st’anno, al netto delle (mie ovvie) gufate, credo che il milan vada sul velluto; campionato livellatissimo verso il basso che risente da morire del letargo che il Papa Buono (benitez) ci ha imposto tra ottobre e dicembre.
    Ciao.

  2. perchè ancora seedorf?
    milan-udinese con seedorf fino al 22′ s.t. 1-3
    milan-udinese senza seedorf dal 22′ s.t. 3-1
    serve altro?

    altra cosa: i giornali hanno sparato su bonera. io la vedo diversamente. antonini ormai lo saltano come fosse un birillo. con la juve, con la roma e due volte con l’udinese. non so se è perchè lo lasciano solo, sta di fatto che vanno sul fondo e quando la palla arriva dal fondo anche un fenomeno se la vede brutta. e bonera non lo è, un fenomeno.

    all’amico interista che gufa simpaticamente, il campionato è di livello basso e tutti sono in gioco. l’inter di sicuro, ma anche la juve. non credo a napoli e lazio, la roma invece… sarà durissima, altro che velluto. bisognerà combattere fino all’ultima giornata, ma almeno quest’anno, a differenza degli anni passati, ce la giochiamo alla pari. l’inter è più forte come squadra, ma deve recuperare dei punti. spero che leonardo non faccia il suo dovere.

    a presto.

  3. @ nic77mc: ti dirò, per me non sarà affatto facile vincerlo. E l’Inter è l’avversario peggiore. Buon per noi che la fronda argentina dello spogliatoio nerazzurro abbia deciso di remare contro Benitez. Si è visto chiaramente alla prima di Leonardo: la colpa non era né di cattiva preparazione, né di infortuni: contro il Napoli i nerazzurri hanno corso e ci hanno messo grinta come mai avevano fatto con Benitez.

    Segno che dentro lì comanda ancora Mourinho. Ti dirò di più: Leonardo – che non è un idiota – ha fatto quelle dichiarazioni pro Mourinho al limite dell’omosessualità proprio per non inimicarsi lo spogliatoio, come è successo con Benitez.
    Il quale ha solo commesso l’errore di voler voltare pagina.

    Se non aveste deciso di “suicidarvi” sportivamente, a quest’ora sareste a pari punti di noi, con due partite ancora da giocare.
    E’ per questo che la vedo durissima portare a casa lo scudetto. Sia chiaro, possiamo farcela e me lo auguro di cuore, che 7 anni di astinenza cominciano ad essere tanti.

    Ma non credo che – al netto di altri clamorosi “suicidi” – lo vinceremo con estrema facilità.

  4. @ nic77mc

    Benvenuto (o benvenuta. Boh? Và a saperlo…..)

    “campionato livellatissimo verso il basso che risente da morire del letargo che il Papa Buono (benitez) ci ha imposto tra ottobre e dicembre”, hai scritto.

    Peccato che ci sono ancora 5 mesi. Sarà anche livellatissimo, Benitez vi avrà anche fatto subire il letargo, ma purtroppo per noi, se l’Inter si risveglia per noi si fa dura. Ma molto molto dura. Già in precedenti circostanze ho espresso il parere che la Beneamata è ancora superiore. Noi al massimo potremmo avere ridotto l’usuale forbice di dieci-quindici punti degli ultimi anni. Ma se non ci rimettiamo a correre…
    Anche perchè l’Inter rimane squadra completa in tutti i reparti. Noi no.
    Questione se la “remontada” riesce oppure no, ovviamente.
    A nostro favore mi ricordo il 1963 (sull’Inter), il 1988 (sul Napoli), il 1999 (sulla Lazio). Ne abbiamo anche subite, però: 1965 (dall’Inter), 1971 (dall’Inter), 1973 (dalla Juve), 1990 (dal Napoli). Vedremo…..

    Le altre squadre non lo so. La Juve è un ectoplasma, ormai. Il Napoli è anche bellino, ma contro l’Inter mi ha fatto l’impressione di quello che dice “vorrei ma non posso e non riesco”. La Lazio ha perso un’occasione…. guarda, non so trovare l’aggettivo!

    E io ti capisco anche, che sarebbe bello quest’anno vincerlo rimontando il Milan…. Ma io, al pari di igor e sicuramente anche degli altri, sono veramente stanco di aspettare.

    Staremo a vedere…..

    Bye

  5. @Nik

    Campionato livellato verso il basso……bla…..bla…..bla…..
    Vorrei solo ricordarti che avete vinto 4 scudetti di seguito perchè non avete avuto avversari degni di nota,per via delle penalizzazioni,delle retrocessioni ecc. Rischiando anche di perderli !!!!!! Campionati di altissimo livello se si considera che sono arrivate in champions squadre come Samp,Fiorentina e Udinese.

  6. Seedorf chiede pubbliche scuse per la partita poco lucida con l’Udinese.. dice ”sono contento comunque che il pubblico mi sia stato vicino sostenendomi durante la partita”.
    Clarence va bè tutto.. ma ti hanno mandato a fanculo di brutto brutto brutto nè.. guardati un pò in qualche sintesi il pubblico in tribuna che gesti inequivocabili che facevano.. non mi sembravano proprio di supporto e sostegno.
    Comunque personalmente apprezzo il gesto delle scuse. Son sicuro che trequartista contro il Lecce spaccherai il mondo.

  7. Oggi vado controcorrente. Io sono tristissimo per la dipartita dell’Amerikano. Un’altra leggenda che ci lascia! Si, perchè in realtà Onyewu NON esiste, è una leggenda metropolitana, appunto.
    Sono anche triste per Dinho. Non perchè ci lascia, anzi, ma perchè è da un pezzo che ha lasciato il calcio giocato e a ventotto anni, con il talento che ti ritrovi, non puoi abbandonare il calcio giocato. E’ un reato contro gli amanti di questo gioco, che hai deliziato in passato e che ti hanno amato a prescindere dai colori della maglia. Comunque, in fondo, resti rossonero. Sorte.
    Non è vero che Seedorf viene fischiato come fosse un avversario. Chi si ricorda De Nadai? Comunque, Clarence ci ha deliziato in passato, perchè offuscare un gioioso ricordo?, Perchè giocarsi la reputazione così? Non è meglio fare dei camei all’Altafini juventino? Pensaci Allegri.
    L’Inter è virtualmente a meno cinque, con:
    -giocatori che vogliono dimostrare che era Benitez a non capire niente;
    -Leonardo che ha sete di vendetta;
    -Moratti che vuol godersi la rivincita per gli sgarbi passati;
    -campionato livellato in basso, sì, concordo, ma da mò, come dice mirko.
    Questo non l’ho scritto prima per non essere radiato dal blog, ma contro i bianconeri abbiamo racimolato 1 punto su nove…
    Strizzatevi, Cesena è vicina.
    Notte a tutti

  8. Tornando al post (giusto?):
    punti 1) e 2) OKKeissimo
    punto 3) Pato “…Non può giocare assieme a Robinho e Ibrahimovic…” aggiungerei anche “… e Seedorf contemporaneamente”;
    punto 4) OK e mi strizzo;
    punto 5) dato ciò, mi concentrerei sulla difesa che, se ben protetta dai “mazzuolatori” regge, altrimenti…
    punto 6) e 7) già argomentati
    punto 8) aggiungerei “come è giusto che sia”

  9. Pensieri sparsi.
    1) Bonera ha sbagliato partita ma bisogna ammettere che non gli capita spesso e per uno che è un buon giocatore ma non un fenomeno una giornataccia è anche perdonabile.
    2) Seedorf può giocare solo trequartista. E il meno possibile: se proprio devo rischiare metto Cassano dietro le punte, anche se contro l’Udinese Allegri non è che avesse alternative.
    3) Serve un terzino: Abate non sa crossare e Antonini ha limiti evidenti, anche perché dopo un anno a correre per portare via l’uomo a Ronaldinho dovrebbe un po’ rifiatare. Chi prendere? Mi basta uno buono anche se non fenomenale, considerato anche che i soldi non son tantissimi. Pare che stiamo seguendo Capdevila, Balzaretti, Fabio Santos e Bosingwa. Detto che se stesse bene il portoghese del Chelsea – reduce da qualche infortunio – sarebbe l’ideale (con Zambrotta a sinistra), il palermitano sarebbe un bel colpo anche perchè gioca su entrambe le fasce. Però con i rapporti che abbiamo con Zamparini la vedo dura…
    4) Per lo Scudetto, Roma permettendo, mi pare ovvio che l’unica rivale sia l’Inter.
    Ciao,
    L.

  10. A proposito di buone notizie in genere, ne ho appena sentita una, sulla cui veridicità ci sarebbe da fare delle verifiche, che parte da quella testa bacata di Platini.
    Essendo Le Roy Michel il tappetino di Blatter (un po’ come Galliani-Berlusca), si è voluto allineare alle demenzialità dello svizzero. Il quale assegna i mondiali in posti improponibili come il Qatar per ovvi motivi di lucro e denaro. Qualcuno deve avergli chiesto se sapesse che temperatura facesse in Qatar nei mesi di giugno e luglio. Mesi tradizionalmente preposti allo svolgimento della kermesse planetaria, di solito. Scoperto che si parla di 50°C o anche 60°C, il merdone elvetico se ne uscito dicendo che il mondiale del 2022 si sarebbe svolto tra dicembre e gennaio. Dato che facciamo già fatica a far star dentro tutte le partite senza fare sosta se non a Natale, mi piacerebbe vedere quando inizierebbero e quando finirebbero i tornei con due-tre mesi di sosta (il mondiale dura un mese, più la preparazione premondiale di 3-4 settimane, più le ferie post-mondiale di almeno due settimane…..).
    Bè, Platini se ne uscito dicendo che sarebbe un ottimo sistema far disputare tutti i campionati europei da febbraio a novembre. Questo presupporrebbe che:
    1) ad un certo punto, per esempio, finito il campionato tutto deve stare fermo da maggio al febbraio successivo. Da ridere!
    2) ad agosto, in molti paesi europei e soprattutto in Italia, vengono effettuate le ferie. Con quattro-cinque domeniche a disposizione mi piacerebbe vedere come si fa con biglietti, abbonamenti e quant’altro. Lo dice lui agli italiani che ad agosto si perderebbero quattro partite, o che per vederle devono fare i pendolari.
    3) lo dice lui agli spagnoli, per esempio, che a luglio devono giocare a pallone. A meno di non giocare tutte le partite in notturna.

    Più altre problematiche probabilmente esistenti o più pertinenti ma che adesso come adesso non mi vengono in mente.

    A me pare una stronzata.

    E a voi?

  11. vorrei solo ricordarti che avete vinto 4 scudetti di seguito perchè non avete avuto avversari degni di nota,per via delle penalizzazioni,delle retrocessioni

    dunque il primo anno juve in b e milan penalizzato;e gli anni successivi?e come se io dicessi”avete vinto 2 cdc e due coppe interc.per la mancanza di squadre inglesi.delle due…

  12. @ mike

    E’ vero, ma in parte. Sia l’una che l’altra.

    Il primo anno (2006-2007) è vero, non c’era la Juve, il Milan e le altre erano penalizzate e quant’altro. Ma per me solo quella stagione. Nelle altre, l’Inter era per la verità la più forte comunque. Ed in ogni caso non giocava da sola, non faceva storia a sè, visto che due campionati la Rometta ha rischiato di vincerli. Le altre non c’erano, è vero. Ma la storia del campionato italiano dice che eccetto rari casi (2001-2002 con Inter, Juve e Roma) di solito la vittoria finale si disputava tra due squadre. Non di più. Ed in quel periodo (ma solo per due anni) è stata la Roma l’avversario più pericoloso. L’Inter l’anno scorso chierava Eto’o, Milito, Schneijder, Stankovic, Maicon ecc. ecc. Se il Milan contropopone Bonera, Abate e Borriello, tiri… tiri… tiri ma dopo un po’ non ce la fai più e crolli proprio sul più bello arrancando sino alla fine.

    In quanto al Milan penso che tu ti riferisca al periodo di Sacchi. Anche qui è vero. Le inglesi non c’erano. Ma è anche vero che quando il Milan è competitivo in Europa non ci sono inglesi che tengano. Con Rocco (ultimo grande Milan prima di quello di Sacchi) abbiamo vinto le prime due Coppe Campioni (1963 e 1969) eliminando sempre le squadre sia scozzesi (e in quel periodo incontrarle erano cazzi, come ben sa l’Inter del 1966) sia inglesi. Ed eccetto le sette pere prese dal Milan di Leonardo le abbiamo bastonate anche dopo. Abbiamo sì perso la finale nel 2005, ma la abbiamo vinta nel 2007 battendo prima il Manchester United con la “partita perfetta” di Milano e poi ancora il Liverpool. Non mi ricordo bene il periodo del Milan di Capello, ma dato che abbiamo fatto tre finali consecutive (1993 Marsiglia – 1994 Barcellona – 1995 Ajax), o non abbiamo avuto modo di incontrarle oppure le abbiamo bastonate anche in quel periodo lì.

    Per quanto riguarda la Coppa Intercontinentale, lì dipende da chi vince la Libertadores. Abbiamo battuto sì il Nacional Medellin e l’Olympia Asuncion, ma abbiamo anche battuto il Boca e l’Estudiantes. E abbiamo perso con Boca, Santos e San Paolo. Chi incontri non dipende da noi. Così come non è certo colpa dell’Inter se trova il Mazembe.

    Saluti

  13. @ mike

    “Abbiamo sì perso la finale nel 2005”.

    Non l’abbiamo persa. L’abbiamo regalata ….. evaporata ….. smarrita ….. concessa ….. Vedi tu. Tutto ma non persa. Se ti dico che dopo 5 anni, a ripensarci provo ancora un buco nel cuore….. Tu sarai anche contento, lo capisco. Ma se ci penso…..

    Prendervi in giro perchè avete incontrato il SEONGNAM e il MAZEMBE fa parte dei riti tra tifosi avversari.

    Io dico quello che dicevo sempre quando mi spaccavano i maroni sulle finali del Milan:

    “Una finale, per vincerla o perderla, devi arrivare prima a giocartela”.

    Risaluti

  14. @ albo
    è sicuramente una stronzata, poco da dire. ci sarebbe però da riflettere su alcune cosette.

    primo: se giocare il mondiale in estate a 50 gradi non favorisce l’apertura dei nuovi mercati, giocare il mondiale sempre in inverno esclude l’europa da ogni futura edizione, spagna e grecia a parte, almeno fin quando non si costruiranno stadi coperti e riscaldati. svezia, olanda, germania ed inghilterra potrebbero avere un’edizione nel 2026, noi mai più. ma d’altra parte se ci mandano a san siro per il big-match milan-cesena la sera del 23 gennaio, mi sa che gli frega poco degli spettatori allo stadio. contano solo quelli che pagano il calcio in tv.

    secondo: platini dice che solo in spagna e in italia non si fa la pausa invernale. dimentica l’inghilterra, non so perchè. a me non pare cosa di poco conto. gli inglesi giocano a natale e a capodanno, e sai una cosa? fanno benissimo. se il calcio è uno spettacolo, deve andare in scena anche e soprattutto nei periodi di vacanza. se sia meglio a natale o a ferragosto non sta a me dirlo.

    terzo: di sicuro il calendario così com’è è perlomeno perfettibile. io sono contrario ad ogni innovazione nel calcio, comprese moviola, campi sintetici e soprattutto modifiche al regolamento. ogni volta che si cambia si peggiora. basta vedere la distruzione della coppa uefa e della coppa coppe, lo spezzatino del campionato, la sentenza bosman, l’irruzione della tv e il massacro del totocalcio, il campionato a 20 squadre, il mondiale a 32. solo la regola del passaggio indietro al portiere mi è sembrata sana, ma se vai a vedere i tempi effettivi non ha giovato granchè. e anche i tre punti per la vittoria, che in inghilterra hanno da una vita, è stata cosa giusta. platini dice che studierà una variante per la champions, che a suo dire è diventata un mostro se molti giocatori preferiscono vincerla al posto del mondiale. ha ragione. il calendario, dicevo. ha solo bisogno di una bella sforbiciata. tornare al più presto a tornei con meno squadre. tornare alle coppe com’erano. tornare al mondiale con 16 squadre, e via dicendo. la tv non è incompatibile con queste misure. offrirebbe uno show più corto ma di qualità infinitamente superiore. il saggio dice che a volte il miglior passo in avanti che puoi fare è un passo indietro.

    a presto.

  15. @ francesco

    In linea di massima sarei anche d’accordo. Però bisognerebbe studiare alcuni correttivi.

    1) Gli stadi. Questo è un problema annoso, e ho l’impressione che finchè queste strutture non diventano di proprietà o le società non si costruiscono il loro rimarranno sembre gli stessi impianti obsoleti e improponibili. Ma qui è un problema culturale e politico. Che dei diritti degli spettatori se ne sbattano è assodato. Basta vedere, oltre a certi orari da ghiacciaia, certe partite da acquasplash che non dovrebbero neanche vedere l’inizio giocate invece tranquillamente.

    2) I campionati si potrebbero anche modificare. Ma vai a dire agli italiani che ad agosto c’è il campionato e che non vedrano un cazzo perchè sono al mare. Si aprirebbe un problema abbonamenti, per esempio. Oltre ad una serie di problematiche familiari, ci scommetto.
    E’ sempre un problema culturale, comunque. In England hanno il rispetto degli spettatori talmente avanzato che giocano molto tra Natale e Capodanno apposta perchè la maggior parte delle persone sono a casa. Da noi i giocatori si autovotano la pausa invernale. Una volta era solo per Natale. Ora di culo di gioca all’Epifania. Vedrai che tra qualche anno si fermeranno da metà dicembre a metà gennaio. Se va bene. E fanno anche sciopero.

    3) Sono d’accordo che ci sono troppe squadre. Venti in campionato sono un’enormità. Io poi sono sempre stato sostenitore di un campionato a 14 o a 12 con play-off tra le prime otto. Purtroppo la Coppa Campioni è diventata il serbatorio di interessi polici, elettorali ed economici. Non torneranno mai indietro. E’ già un successo che abbiano ripristinato l’eliminazione diretta dagli ottavi. Ma la decisione di Platini di favorire le squadre campioni dividendo i preliminari in incontri tra squadre campioni ed in incontri tra squadre non campioni a mio parere ha spaventosamente abbassato il livello tecnico. E ci dobbiamo sorbire il Cluj…. il Bursaspor….. lo Zilina…..
    Bisognerebbe fare non più di 6 gironi da 4, con le prime che passano insieme alle migliori due seconde, con maggior partecipazione dei campionati maggiori, e eliminazione diretta dai quarti. Oppure le prime due con le migliori quattro terze con eliminazione diretta dagli ottavi. Se attraverso preliminari ben organizzati e la partecipazione delle prime cinque, per esempio, per Spagna, Inghilterra, Italia il livello si alzerebbe e le partite diventerebbero più appetibili per gli sponsor.
    Idem per il mondiale. In questo caso 16 squadre sono troppo poche. 32 troppe. Pensare a qualcosa con 24, per esempio. Ed è limitativo dire che si fa così perchè copmanda il dio denaro. Dimmi una volta, nella storia, che così non sia mai successo.

    a ripresto

  16. Ordine sparso
    @mondiali:
    a me il mondiale a 32 piace, molto spesso si vedono partite divertenti nei gironi di qualificazione che non le fasi finali, anche se il pathos del’eliminazione diretta…
    Portarli in luoghi dove non sanno cosa sia il pallone, solo per il businness… questo sì è abberrante. Ma ci sono ormai abituato con la F1. Spostarli poi in inverno, beh avete già detto tutto
    @mondiale club, già Intercontinentale:
    non vedo perchè si debba sminuire questa coppa, prima era uno scontro tra le UNICHE due scuole calcistiche, oggi si portano più squadre, ma alla fine è scontro tra le migliori. Non è che la finale avviene per estrazione e ti trovi Inter-Pnong Peng o MIlan-Ciùdad de Panama o Real Madrid-Real Pago Pago. Certo, ha perso il fascino della doppia sfida di qua e di là dell’Oceano, ma è anche vero che ai tempi venivano violati anche i diritti civili del calcio,non solo le regole….
    L’Inter ha battuto la miglior squadra africana che a sua volta ha battuto la migliore Sud Americana. Punto. Onore al merito (quanto mi costa scriverlo).
    @riduzione squadre tornei:
    questo mi pare doveroso. Tutti i presidenti si lamentano dei troppi impegni o del calcio spezzatino, ma chi lo ha votato??? e se qualche giudice civile ha imposto tornei a venti squadre, nulla vieta di ristabilire l’ordine con 18 (meglio 16) squadre. Ma lo vogliono veramente?
    @Champions:
    solo i detentori del titolo nazionale, al massimo, visto che l’hanno assassinata, i vincitori della Coppa Nazionale (anche se noi le ultime due Champions le abbiamo vinte partendo dai preliminari)
    @Milan:
    abbiamo preso l’erde di TS (ma se ha 23 anni), tal Rodrigo Ely dal Gremio e l’erede di Abbiati, tal Pektovic, serbo. Spero che lascino Van Bommel dov’è, onde evitare altre risse con Ibra ed anche Mexes, non è che mi entusiasmi.
    OK, saluti amici

  17. @Giorgio

    Ho come l’impressione che l’arrosto non arrivi.. si son già svenati con Ibra e Robinho (colpo di matto presidenziale e si sa perchè), non penso puntino ad altro, anche se servirebbe. Abbiamo preso anche Cassano, che comunque è molto buono per quello che offriva il mercato natalizio, per me questo tourbillon di nomi semi/quasi sconosciuti e pescati dal nulla (vedi Diarra accostato ad ogni campagna acquisti una volta al Milan una all’ Inter una alla Juve) è tutta fuffa giornalistica.
    Per lo meno, se proprio devono prendere qualcuno, spero non sia un 33enne, che poi gli si deve fare 2 anni di contratto e non si leva piu dì ball dalla squadra (vedi Pippo, Seedorf).

  18. Cassano: “Qui sono in paradiso”
    Ehm, veramente siamo più a nostro agio alll’Inferno, Rossonero ma Inferno…

    Cassano: “Sopra il Milan solo il cielo”
    Ma non era “…sopra Berlino”?

    Cassano: “Non tradirò chi ha creduto in me”
    Garrone garantisce

    Galliani: “Cassano, l’unico che può sostituire Dinho”
    Oddio, in che senso?

  19. Finalmente qualcuno con le idee chiare. Così la domenica potrò finalmente occuparmi d’altro, ma sapendolo in anticipo posso cominciare fin d’ora ad accompagnare la moglie all’Ikea, programmare qualche gita fuori porta con l’arrivo della primavera, durante i posticipi serali organizzare qualche partita a carte con altri amici rossoneri i quali, facendo tesoro delle convincenti predizioni di igor, tralasceranno di tifare i rossoneri ormai divenuti, alla luce delle considerazioni del padrone di casa, inutile orpello del campionato.

    E’ possibilissimo che lo vinca l’Inter. Ci mancherebbe. Ma se ciò accadrà, dovranno sputare sangue per farlo. Le assunzioni di resa manco fossero predette da una cartomante non mi piacciono. Hanno il sapore della resa anticipata. Il teorema della sconfitta accettata senza lottare.

    Dopo tutto questo panegirico, per quanto riguarda l’esito finale del campionato…….. la presenza dell’Inter comincia a farsi inquietante, sento come un brivido gelato lungo la schiena, le precedenti certezze si stanno sgretolando, il traguardo finale allontanarsi ma….. siamo sempre davanti noi, per il momento! Sono loro, mi pare, a non doversi permettere più errori.

    Siamo a metà gennaio e già si sbraca?

    Un po’ di ottimismo e di fiducia, cazzo! Dài!

    Bye, Leonida.

  20. Scaramanzia per scaramanzia, io, da interista, dico che l’ottimo inizio di 2011 è un fuoco di paglia. Là dietro la difesa traballa e i 4 impegni affrontati finora non sono stati significativi (a parte il Napoli, ma varrebbe un discorso a parte). Obiettivo 3° posto, magari anche 2°, ma lo scudo ormai possono perderlo solo i rossoneri.
    L’arrivo di Criscito secondo me darà al Milan quel po’ di sicurezza in difesa che può fare davvero la differenza.

    Più interessante il discorso in Champions, entrambe le milanesi hanno la possibilità di arrivare in finale (o una o l’altra, dovendosi incrociare in semi) per perdere tanto a zero col Barcellona. Sarebbe comunque un ottimo risultato per entrambe.

  21. “Scambio Bonera Motta (Juve). Stanno scherzando vero? Cediamo un giocatore normale/scarso per una ciofeca massima?!?

    Due righe non Rossonere.

    Zanetti. Onore al Capitano, ultima vera bandiera in un mondo di “proffessioniste” (il femminile è voluto) che oggi baciano la maglia e domani flirtano con il Real/Chelsea/Bar@a ecc. E’ l’unica cosa che invidio alla “non”sponda del Naviglio.

    Bologna. Ma cosa hanno fatto di male. Li hanno penalizzati di ulteriori due punti per colpa di un avventuriero su cui nessun vertice ha indagato preventivamente per controllarne la serietà. ‘Sti ragazzi si stavano guadagnando l’Europa sul campo e si ritrovano invischiati nella lotta per non retrocedere perchè… non hanno ricevuto lo stipendio (OK, con lo stipendio del più scarso di loro ci vivo diversi anni, ma non è questo il punto). Boh

    Inter. Che dire? Ha l’organico migliore, devono dimostrare che era “Benny” che non li sapeva far giocare/motivare, hanno un allenatore che deve dimostrare che con una rosa adeguata, riesce a vincere lo scudetto con “sei punti di vantaggio” rcuperandone “tredici”,
    che a -13, per loro non fa freddo perchè hanno due partite in meno, contrariamente a noi, che a “-tanto” ci andavamo per meriti propri.
    Spero, anzi, credo fermamente che quest’anno, almeno, ce la giocheremo fino alla fine, anche se propendo anch’io per la vittoria finale dell’Inter. Ricordiamoci che ci manca KPB che, nell’economia di questo Milan,qualcosa più di Seedorf, vale. E forse anche Pirlo.

    Champions. vale quanto sopra, cioè ce la giochiamo. Anche se qui il panorama dei vincitori si allarga

  22. @ igor
    @giorgio
    @ tutti

    OK! C’è chi si sente profeta, e chi asserisce che tecnicamente è superiore l’Inter.
    Può essere. Anzi, sarà senz’altro così.
    Ci credo e ci crediamo tutti, nella forze e nella potenza dell’Inter.
    A parte che talvolta può anche capitare che proprio il più forte non vinca, proprio il più meritevole rimanga con un pugno di mosche in mano.
    E successo nei campionati lunghi (quelli nazionali) ed in quelli brevi (coppe, mondiali, europei). Nel 2005 era forse più forte il Liverpool? Però ha vinto. Ha avuto fortuna, ma non ha mai mollato perchè ci ha sempre creduto. Nel 2010 era più forte l’Inter? No, per me era e rimane più forte il Barcellona. Ma, anche lì, l’Inter ci ha sempre creduto. E ha vinto anche perchè, oltre al patrimonio tecnico ed atletico, aveva una forza interiore che gli altri non possedevano.

    Ma la domanda è, e non c’è modo di eluderla, nè di aggirare il problema concedendo riconoscimenti all’avversario peraltro pertinenti:

    AL MILAN, QUI, TRA NOI ROSSONERI PIU’ O MENO FIDUCIOSI, SEMPRE FEDELI ED ETERNAMENTE SOFFERENTI, QUALCUNO ALLA VITTORIA FINALE, CI CREDE?

    Perchè crederci, ragazzi, alla vittoria finale, è il primo passo per arrivarci.

    Bye a tutti.

  23. @ igor

    consiglio tardivo. Ho già comprato tutto…..

    compreso la poltrona Ektorp Tullsta e il tavolino Taiva. Il tutto, naturalmente, mentre leggo un libro tratto dalla libreria Traby e mi gusto un brandy nel bicchiere Pokal……………………

    Bye

  24. Visto il primo tempo, qui se non ci diamo una mossa non c’è solo da avere paura dell’Inter. Ma di tutti, perchè così ci passano tutti.
    Molli, senza idee, senza fantasia e litigiosi. Quest’ultimo aspetto il più preoccupante.
    Seedorf ectoplasmatico. Urge inserimento di Cassano.

    Speriamo bene.

    Bye

  25. Il Milan fa cagare in questo momento, dalla panchina con un presunto allenatore, uno che per quanto mi fa cagare Pato (giocatore da serie c2) lo toglie tenendo culone in campo, alla squadra in generale che proprio non c’è.
    Per quanto sia obeso Cassano non lo sarà mai quanto il peso del culo di Seedorf, quindi perchè auto infliggersi del dolore facendo giocare gente che sta bene solo in panchina?
    Ma anche tutta la squadra.. non la vedo concentrata si sbaglia troppo in ogni parte del campo.. non meritiamo assolutamente di esser primi e la cosa fa male, perchè pensavo che si avesse quantomeno trovato una quadratura, un sitema di gioco, ma evidentemente la bolla è scoppiata.
    Grande Ibra comunque.. è un altro peccato che tu fai un goal da cineteca, e quei 4 cazzoni avariati non riescono a tenere il risultato fino alla fine.

  26. CAZZO CAZZO CAZZO
    Scusa igor, ma quando ce vò ce vò.
    Ma lo hanno spiegato ad Allegri che si possono cambiare fino a TRE giocatori TRE, durante la partita?!?
    I tre di centrocampo erano sempre più in affanno, cambiane qualcuno no? Flamini andava scomparendo, CAZZO, Rino pure. E in più lasci dentro Seedorf, utile come un brufolo sul culo.
    Altri due punti persi, CAZZO
    A parte il goal da fantascienza di Ibra, cos’altro abbiamo fatto?
    A si, tre palloni messi in mezzo da Abate, finalmente.
    Altro? Due tiri realmente pericolosi. Fine. In 93 minuti! E la panchina si lamenta per il recupero “corto”. E usare i 90′ per fare due tre goals?
    Vabbè, ‘notte a tutti e scusate lo sbroccamento, ma contro questo Lecce si doveva vincere.

  27. Questa non l’avevo letto.
    Pato: “Sono carico e concentrato per stasera”
    Bambino mio, per quanto io ti ammiri, SVEGLIATI, OPPURE VAI AL CHELSEA, AL CITY, AL REAL, AL FLAMENGO CON L’ALTRO SMANDRAPPATO AMICO TUO, VAI DA CHI CAZZO VUOI E LASCIA IL POSTO A CHI HA VOGLIA DI GIOCARE SEMPRE
    Ri-buona notte

  28. Si doveva vincere e non si è vinto. Ci ha pareggiato anche l’Inter. La Lazio ci ha perso in casa.
    Dovevi prendere i tre punti e non li hai presi. Male.
    Ora testa bassa, pane duro e ricominciamo. Se cominciamo a farci venire la nostra solita paranoia da sorpasso interista, il sorpasso è garantito.
    Si vede che è iniziato il nostro periodo di crisi. Cerchermo di farlo passare. Speriamo presto.
    Ripeto, si piega il testone e si ricomincia. già da domenica con il Cesena.
    Non puoi vincere tutte le partite, qualche punto in giro lo perdi sempre.
    E se proprio dovesse andare male, vorrà dire che aspetteremo un altro anno. E poi un altro ancora. C’è chi ha aspettato 18 anni.
    Del resto, inutile lamentarsi dell’organico. Rimane inferiore e incompleto, rispetto a quello dell’Inter.
    Certo che un paio di cose si possono dire:

    1) Le partite vanno chiuse, non portate stancamente e furbescamente fino alla fine sull’1-0.

    2) Seedorf è ormai diventato un peso morto

    3) Stavolta ho visto male la coppia T.S./Nesta.

    4) Come visto questa sera, mancano ricambi vigorosi a centrocampo, al centro della difesa e sulle fasce. Ma ormai…..

    5) E manca un metronomo che detta i tempi di gioco. Si sente la mancanza di Pirlo e anche di un suo attendibile sostituto.

    Saluti a tutti. Siamo ancora in testa. Non dimentichiamocelo.

  29. Pato è un giocatore iper-valutato, non gioca per la squadra, scompare sempre nel momento del bisogno, e non è un fenomeno. E’ invece un discreto giocatore se si trova da solo davanti alla porta.
    Per quanto riguarda il resto, Allegri non è probabilmente un grande allenatore.. noto pure lui che chiede spesso come faceva Leo a Tassoti cosa fare e cosa cambiare, l’idee chiare forse non le ha.
    Stiamo andando avanti di pareggi e sconfitte, mancheranno uomini, ma contro squadre che lottano per la retrocessione mi aspetto ben altre partite sotto il piano del carattere soprattutto.
    Ibra che guardava dentro l’area e vedere Pato gironzolare dove non deve stare è uno scempio..

  30. @ Dr. Cipps

    rispondo alla tua anche per esternare i dubbi sulla situazione che sta venendosi a creare.

    1) Allegri. Capisco che mancano giocatori a centrocampo ed in attacco (ieri oltre a KPB e Pirlo lungodegenti da tempo, si è aggiunto Binho) per cui è costretto a far giocare Seedorf.
    Ora, io non so se Clarence sia il capobanda, il capomandamento, il capobastone, il capodicazzo oppure cosa. Un giocatore così è dannoso, oltre che inutile. Allegri abbia il coraggio di metterlo in panchina come ha fatto con Ronaldinho. In quanto al chiedere consigli al Tasso….. lo faceva Leo prima di lui e il Carletto prima di Leo. Fategli fare l’allenatore a Tassotti a questo punto.

    2) Pato. Urge risolvere il problema subito. Parlare con il giocatore. Con la mamma del giocatore. Con la troia del giocatore. Ma bisogna che questo ragazzo decida cosa fare da grande. Perchè se è impensabile giocare sempre da dio, è impensabile non sbattersi anche quando non si gioca bene.
    Se siamo arrivati al punto che i compagni lo mandano a ‘fanculo in campo, significa che ci sono situazioni quotidiane che non conosciamo e che stanno diventanto pericolose.

    3) La fiducia sarà anche tanta, la voglia di crederci sempre presente, saremo anche in testa con quattro punti di vantaggio, ma….. qui bisogna darsi una mossa, una regolata ed una registrata in tempi non dico brevi, ma brevissimi perchè qui si rischia di rimpolpare la fama di squadra più sorpassata degli ultimi decenni. Alcuni esempi? Pronti!:

    1) 1965 (pro Inter)
    2) 1971 (pro Inter)
    3) 1973 (pro Juventus)
    4) 1990 (pro Napoli)
    5) 2003 (pro Juventus)

    Non se se nel panorama nazionale qualcuno è mai stato in grado di avvicinarsi a tale apoteosi autolesionistica. E io mi sono rotto i coglioni da fare, a cicli, la figura di quello che vede una mazzetta di banconote, si china a raccoglierla, gliela strappano via perchè legata ad un filo e nel frattempo…..

    Bye, amico.

  31. @ Albo @ Dr. Cipps @ Giorgio

    come sempre nulla da dire, le considerazioni sin qui fatte sono le stesse che rimuginavo ieri sera davanti al televisore…a volte rimango stupito dalla “volatilità” nel rendimento del papero..una partita da futuro pallone d’oro e quella successiva,o il più delle volte quelle successive, da perfetta pippa;
    non vorrei cha alla lunga Ibra si stufasse di questa insolenza calcistica di alcuni compagni di reparto…a buon intenditor;
    su Seedorf sono mesi che ormai si continuano a ripetere le stesse cose ma il vero dramma è che, al momento, non ci sono alternative ma ancora peggio è che, nella testa di Allegri, Cassano è il sostituto di Pato o Robinho…ieri sera valeva la pena provare il barese dietro le punte facendo accomodare tubo nero Seedorf in panchina…nulla di tutto ciò..
    L’unica nota positiva che mi balena per la testa è la solita, classica, abusata scusa della preparazione atletica di Natale fatta di carichi di lavoro pesanti con l’obiettivo di “volare” nei mesi che contano, da Marzo a Maggio…negli ultimi anni ciò non si è mai verificato e ,se possibile, il Milan è definitivamente sciupà proprio in quei mesi..
    Nooo non possiamo perdere il campionato a favore dell’Inter, per favore, questo no!!

  32. @ towanello 70

    Se proprio devo perderlo, ovvio che preferisco sia chiunque ma non loro. Anche se, a guardare bene. se non lo vinciamo noi, chi potrà mai vincerlo se non loro? Il Napoli? La Lazio? LA JUVE????? Ma per favore…

    Ma loro, l’Inter intendo, corrono con la bava alla bocca. Noi siamo sorridenti a passeggiare ed a guardare il panorama bucolico con la spiga tra i denti e le mani in tasca. Non so se rendo l’idea…..

    Se non ci diamo una regolata, come credi che finirà?
    Anche con tutta la fiducia e la fede che si possa avere, come credi che finirà?

    E poi basta con ‘sta cazzo di storia della preparazione atletica nei paesi del Golfo. L’anno scorso siamo scoppiati proprio a febbraio/marzo perdendo 4 volte l’autobus per la vetta della classifica, oltre a beccare 7-PERE-7 dal Man Utd. E l’anno prima uguale. Quando in campionato ci hanno preso a pallate tutti ed il Werder Brema (!) è venuto qui a fare il Real Madrid.

    Quello che chiedo alla proprietà/dirigenza sono programmi di rifondazione tecnica chiari. Va bene la convenienza economica delle operazioni Ibra, Binho e Cassano. Ma i problemi sono sempre lì, gente. Le scadenze dei megacontratti nel giugno 2011 e soprattutto il riadeguamento tecnico di difesa e centrocampo.

    Bye

  33. Vediamo col Cesena, IN CASA. Se fanno ancora questo genere di partite alla cazzo di cane aspetterò giorni migliori per seguire gli sviluppi di questo campionato, non posso sempre finire senza voce a furia di gridare dal 50′ ”toscano leva Seedorf” come se lui mi potesse sentire.. è dannoso per la mia salute.
    Pato forse vive il periodo samba, quello che hanno già vissuto altri talenti, il primo che mi viene in mente l’imperatore.
    Fatto sta che Robinho, delle volte non combina un piffero, ma si sbatte su e giu per il campo, un minimo alla causa si vede che ci tiene. Pato invece è un oggetto estraneo, segnerà anche spesso se si trova nei paraggi della porta, avrà un media goal altissima, fatto stà che questo giocatore non mi è mai piaciuto, è più forte di me.

  34. OK che non abbiamo centrocampisti, ma, viste le buone prove di Strasser, visto che Flamini andava spegnendosi, poteva anche cambiare. Così come era da togliere Seedorf e non Pato. E magari togliere uno tra Ambro e gattuso, inserire Yepes e avanzare TS, oppure Inserire Antonini e avanzare Abate.
    Invece il nostro non cambia tre uomini neanche sotto tortura.
    Comunque, per quanto ne ha KPB? e Pirlo?
    Pato. Scambio con Balotelli?
    Arrabbiamoci con il Bari
    Saluti a tutti.

Lascia un commento