ARRIBRA O NON ARRIBRA?

Barcellona, 25 Agosto, esterno giorno.
Un gruppo di persone si ritrovano al tavolo di un ristorante, dopo aver lautamente pasteggiato, per definire i dettagli di un’operazione economica.
La trattativa pare ben avviata: la volontà delle parti c’è, mancherebbero solo i dettagli sull’ingaggio e sulla formula.
Gli italiani puntano allo scambio di prestiti per un anno, gli spagnoli puntano sul lungo periodo, in modo da pagare meno l’ingaggio allo svedese.
Quella merda fumante di ex-piazzaiolo (i procuratori sono il male del calcio, ricordiamolo, assieme ai presidenti mafiosi) invece non accetta il prestito: in un italiano abbastanza stentato spiega che a lui non ne verrebbe in tasca nulla.
La trattativa ora pare ad un punto morto, in stallo.
Uno dei protagonisti (quello pelato con la cravatta color urina) si alza, un tic gli fa piegare la testa verso sinistra: è sorridente, e rassicura gli altri sul buon esito della trattativa: «Signori, nessun problema. C’è tempo fino al 31. Ed io resterò qui fino a quel giorno, se necessario».

Fantascienza? Realtà? Fumo negli occhi?
Non si sa. Ciò che si sa è che:

1. Se la trattativa va in porto, il colpo è di quelli epocali. Soprattutto se avviene con la formula di scambio di prestiti: scambiare il Tronista con lo Svedesone è da statua equestre alla dirigenza, sinceramente.
2. Se la trattativa non va in porto, lo staff dirigenziale potrà sempre dire di averci provato in ogni modo e di esserci andati molto vicini, salvo poi fallire poiché le trattative di questo tipo sono molto complesse e c’è sempre il rischio che falliscano e blablabla (anche se magari non c’è nulla di vero e di trattative concrete non ne sono mai state imbastite).

In ogni caso, si tratterebbe di una vittoria della dirigenza: avrebbero dimostrato come infondate le voci dei tanti tifosi non evoluti che volevano i vertici della società immobili sul mercato, darebbero un’inaspettata iniezione di fiducia ai tifosi depressi ed incazzati (e quindi non più rinnovanti l’abbonamento allo stadio e alla tivù a pagamento) e farebbero parlare i mass media della squadra come molto attiva nel mercato, ricordando i bei vecchi tempi e rinnovando di fatto l’interesse nei confronti della società.

Come sempre, l’apparenza inganna.

ibra_gestaccio.jpg

ARRIBRA O NON ARRIBRA?ultima modifica: 2010-08-25T12:02:28+00:00da igortv
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “ARRIBRA O NON ARRIBRA?

  1. Rimarrebbe poi quell’ultimo dubbio quasi amletico: se arriva, che ce ne facciamo?
    Vabbè che giocatori con quel talento è sempre meglio averli dalla tua parte che averli contro, ma l’esperienza catalana del nostro insegna che se non si inseriscono nel modo giusto in una squadra non si servono a niente.
    Il problema del Milan è la squadra e, soprattutto, una difesa in cui se manca uno tra Nesta e Thiago Silva possiamo solo cercare un fazzoletto per raccogliere le lacrime.
    Mi ripeto, è un colpo buono più per la campagna elettorale che per la campagna aquisti.

  2. Per me Ibra può servire in campionato, contro le piccole. Dove lo scorso anno abbiamo lasciato 15 punti.
    Senza Pato non segnamo: Ibra, a differenza del Pomata o dell’Autistico, ti può far vincere le partite contro le piccole tignose.

    Chiaro che le priorità sarebbero altre (due terzini, un trequartista ed un mediano coi controcazzi), però se Allegri fa giocare il Papa al centro è perché sa se uno dei due titolari manca, perlomeno ha una riserva già pronta. Anche se Yepes secondo me può regalare molte soddisfazioni.

    E comunque ogni colpo che decide il Capo supremo – quello nel quale ci mette la faccia di prima persona, intendo – è stato, è e sarà a fini elettorali. E pazienze sa alla squadra serve altro: tanto, al Capo, che cazzo gliene fotte della squadra?

  3. Ricordiamoci comunque che c’è di mezzo anche un certo sig. Raiola.
    Non vorrei che domani dovessimo scoprire che la trattativa col Milan era tutta una messinscena per mettere alle strette il Manchester City e forzarlo ad un accordo molto più oneroso.
    Remember 2006.

  4. A.C. MILAN COMUNICATO UFFICIALE
    25/08/2010
    A.C. Milan comunica di aver ceduto in prestito il calciatore Dominic Adiyiah alla Reggina Calcio…MA NON ERA STATO IL MIGLIOR CALCIATORE NEL MONDIALE UNDER 20 CHE, COME DISSE ZIO FESTER, ERA UN RICONOSCIMENTO GIA’ VINTO IN PASSATO DA MESSI ED AGUERO…QUESTO ALL’ULTIMO MONDIALE STAVA PER BUTTAR FUORI L’URURGUAY CON UN GOL DI TESTA…MA NE’ LEOPARDO NE’ “CE POCO DA STARE ALLEGRI” GLI HANNO FATTO GIOCARE UN MINUTO…MA CHE C’HA??..L’ALITO PESANTE..?…E’ UNA BUFALA DI GIOCATORE O E’ ANCORA POCO MATURO..?..MA LATERALE D’ATTACCO AL POSTO DEL POVERO HUNTELAAAAR NON SI POTEVA PROVARLO UN PAIO DI MINUTI ..MAH..MISTERI DEL CALCIO..

  5. Come già detto da più parti e in più parti, MA NON CONVERREBBE PUNTARE SU DZEKO, le cifre di cui si parla per il passaggio sono più o meno uguali, è più giovane, acquisito totalmente e non in prestito (e quindi impiegabile per più anni e non per uno solo) ingaggio inferiore, non spaccherebbe lo spogliatoio. Con Ibra l’anno prossimo saremmo punto e a capo. Lo so, l’anno prossimo scadono i contratti, ci sarà il fair paly, bla bla bla…
    Piuttosto, come stiamo a extracomunitari? E’ per quello che si punta sullo svedese?
    Per quel che riguarda la “freccia nera” boh, mi sarebbe piaciuto vederlo, Oduamadi non è che abbia brillato, anzi…
    Magari a Reggio si ambienta meglio, se si tratta di ambientamento. Se invece è un bluff…
    In fin dei conti Allegri non ha paura a provare i giovani. Se non ha convito lui…
    In bocca al lupo, comunque (anche perchè se muore il lupo abbiamo fatto un affare)

  6. E’ chiaro: Dzeko tutta la vita.
    Forse è per questo che non credo ad Ibra in rossonero con la formula dello scambio secco di prestiti col Tronista.

    Qualsiasi altro tipo di operazione costerebbe tantissimo al Milan, e a questo punto vale la pena puntare fortissimo su Dzeko.

    A tal proposito: siamo sicuri che non ci sia qualcosa di sotterraneo? Che – come giustamente dice bisax – questa trattativa-non-trattativa convenga a tutti (al barca perché così vende Ibra; a Raiola perché così fa pressione al City; al Milan perché così possa lavorare sottotraccia su Dzeko, mettendo alle strette il Wolfsburg)?

    E’ solo un’ipotesi…

  7. Igor, sei andato oltre i confini della fantasia, la mia ipotesi era molto più semplicistica.
    Raiola ce lo metterà in culo come nel 2006 e ci ritroveremo all’ultimo momento a cercare un premio di consolazione. Allora fu Ronaldo, e abbiamo visto com’è andata a finire, adesso potrebbe essere Sculli o Trezeguet.
    Oppure sateranno fuori con frasi del tipo “aver trattenuto Borriello e Ronaldinho è il vero colpo del mercato”

  8. IPOTESI: IL PIZZAIOLO CICCIOIOLA ALZA IL POLVERONE IBBRA CON L’AIUTO DI ZIO FESTER CON L’INTENTO DI STUZZICARE L’APPETITO DEL MANCHESTER CITY,VERO INTERESSATO ALLO SVEDESONE (ANCHE SE NON GIOCHEREBBE LA CHAMPIONS MA SAREBBE L’UNICA SQUADRA A GARANTIRGLI 12 MILIONI ANNUI!): A QUESTO PUNTO IL CITY CON TEVEZ, IBRA E BALUTELLU POTREBBE CEDERE ADEBAYOR (CHE OGGI FA PANCHINA E NON GIOCA LA CHAMPIONS) AL MILAN (CHIARAMENTE CON MEZZO STIPENDIO PAGATO DAL CITY..)..D’ALTRA PARTE RAIOLONE CICCIONE E’ A CREDITO CON MANCINI ED IL CITY E QUINDI SAREBBE UN AFFARONE PER TUTTI..CHE NE PENSATE?…FANTASILANDIA?

  9. L’ipotesi City è meno fantascientifica di quel che sembra.
    Premesso che io, per le cifre che girano, punterei su Dzeko (sempre che sia libero il posto da “extra”), devo convenire che comunque è meglio Ibra dell’accoppiata azzurro-orange, con leggera preferenza per… A pensarci bene, per nessuno dei due.
    Convengo con bisax, alla fine il colpo sarà “aver trattenuto Dinho e Borriello”
    Forza Milan, comunque e quantunque e, a questo punto, con chiunque

Lascia un commento