UN LAMPO NEL BUIO

Ci sarebbero un’ infinità di cose da dire. Oppure stare in silenzio, e godersi il momento nonostante tutto.
Il secondo tempo di ieri sera è stato finora il migliore giocato dai rossoneri, e poco importa se il Real Madrid non è proprio la squadra più in forma del momento. Alla fine conta il risultato. 4-2, perché il gol di Thiago Silva era regolarissimo. Forse 4-3, dai, se avessero segnato il rigore nel primo tempo.

Ho visto cose che voi umani non potreste neppure immaginare: Seedorf in combattimento col culo in fiamme correre e difendere come non mai al largo dei bastioni di Casillas. E ho visto la demenza balenare nel buio del cervello di Dida mentre si gettava legnoso come un paracarro ai piedoni di Raul. E Pato, finalmente devastante, urlare invasato come il peggior Inzaghi dopo la sua doppietta.

Un primo tempo vergognoso, come troppo spesso capita in quest’ ultimo periodo, contrappuntato da una ripresa da manuale. Non so cosa sia successo all’ intervallo ma questa volta Leonardo deve aver trovato validi argomenti per riuscire a trasformare così la squadra: ho visto finalmente grinta e voglia di lottare, ho rivisto l’ orgoglio e la voglia di reagire ad un gruppo di giocatori parsi finora rassegnati ad essere perdenti di lusso.
Non credo sia stata la voglia di rivincita su Kakà, non solo. E neanche quella cazzo di storiella della mentalità europea e della musichetta e bla bla bla che tanto piace al nostro geometra al comando, no: credo si trattasse di qualcosa simile alla dignità. Calcistica, sia ben chiaro.

Forse questi ragazzoni qui hanno capito che non basta essere campioni o avere talento per vincere le partite in automatico. Occorre volontà e disciplina, e per esercitarla è innanzitutto indispensabile esserne convinti. Ecco, io credo che in quei 15 minuti di intervallo Leonardo sia riuscito a far capire ai suoi di non essere inferiori a nessuno, e di scendere in campo per dimostrarlo a tutti gli spettatori. Per dimostrare che, anche sotto di un gol preso in quella maniera lì e col morale sotto i tacchi, una grande squadra deve dimostrare di essere tale sempre e comunque, e non solo perché c’ è un badge sulla maglietta come promemoria.

Il risultato è una vittoria a Madrid contro il Real e l’ ingrossarsi esponenzialmente del fegato di tifosi bianconerazzurri: poco importa di quello che diranno per sminuire la vittoria, non diamo retta a quegli stitici invidiosi.
Che mai sarà una squadretta come il Real Madrid rispetto a corazzate quali Dinamo Kiev, Maccabi Haifa o Rubin Kazan?

0KRVT2NP--300x145.jpg

UN LAMPO NEL BUIOultima modifica: 2009-10-22T17:08:00+00:00da igortv
Reposta per primo quest’articolo

16 pensieri su “UN LAMPO NEL BUIO

  1. Bravissimo igortv ho sentito dei commenti sui loro blog commenti demenziali
    ma avete sentito adesso il loro girone quelli dell’altra parte del naviglio e il + duro mi vien da ridere
    e hai ragione un dei pochi secondi 45 minuti giocati molto bene
    anche se avevo visto un piccolo risveglio domenica scorsa contro la Roma
    Caro igor se ci mettono un pò di voglia e danno via la palla velocemente qualche partita la vinciamo anche noi
    un saluto a tutti
    nicola

  2. Peccato che i super campioni del mondo, quando incontrano la piccola Inter ne beccano 4, e x non parlare dei punti che annualmene vi diamo dritti dritti in testa : si parte da 10 a salire, e quest’anno, vedremo quanti saranno….
    Voi siete grandi, quando non ci incontrate sulla vostra strada, xchè a quel punto, tornate piccoli, piccoli….
    siamo già meno 7 …. sempre a SALIRE !!!!!!

  3. Risposta a M si addice proprio a voi come iniziale poi scegli te la parola ha cui faccio riferimento a parte questo non voglio essere troppo pesante
    mi sa che voi dell’altra sponda avete la memoria corta come il Vs pisello
    vi ricordate il 4-0 ma non vi ricordate un certo 6 no vero?
    ma non avete altri argomenti da proporre certo che rosicate quanto ci vedete vincere in coppa vero M……e
    ciao

  4. io non ho il pisello, quindi di corto non ho niente, neanche la memoria… il 6 a 0 lo icordo bene, ma è molto più attuale il 0 a 4 di 3 mesi fa. e gli 80 punti di distacco , quindi ripeto grandi , quando non c’è di mezzo l’Inter, questa è la storia degli ultimi anni …
    ciao e buona cena…
    ps. vincere in coppa, no sono abituata , mi rosica di più quando vincete in campionato, xchè capita molto raramente…..

  5. Uno 0-4 in casa ci può stare. Come un 6-0.
    Ogni partita fa storia a sè.

    Inutile, quindi, paragonare la partita di ieri sera con il derby di due mesi fa: troppe sono nel frattempo le variabili intercorse tra i due periodi.

    Puerile, oltretutto. Perché si azzardano paragoni che non stanno nè in cielo nè in terra. Tipo considerare il Rubin una potenza del calcio mondiale perché ha vinto col Barcellona detentore del titolo.

  6. Avete vinto l’ultima champhions, dimostrando la mia teoria : la squadra che vince non è sempre la più forte, e i fatti lo dimostrano
    Barcellona ha vinto lo scudetto
    il Manchesters ha vinto lo scudetto ( loro in effetti, erano le più forti e
    l ‘hanno dimostrato anche nel loro campionato ), voi invece siete arrivati a meno 23
    ( non ricordo bene ) dalla prima , senza contare tutti gli episodi, dove la dea della fortuna vi è stata MOLTO VICINA
    buona giornata

  7. Cara M
    Come mai L’inter NON vince la coppa da 44 anni 44, neanche quando non è la più forte?
    Come mai i tuoi contifosi predicevano sfracelli da parte del REAL, che invece le ha prese?
    Come mai Voi non avete mai vinto a Madrid, neanche con la simpatica pantomima di zio Bergomi?
    Come mai non ti viene in mente che il secondo tempo del Milan è stato almeno pari a quello del Real?
    Come mai non Ti chiedi perchè, nonostante il Milan sia la squadra più scarsa del mondo, ha vinto sette coppe dei campioni, anche quando non era la più forte, forse che serva oltre alla forza anche la testa?
    Come mai NON vincete in Europa da un anno, possibile che la dea bendata guardi solo verso di noi?
    Come mai non ti chiedi come possa reagire una squadra dopo aver preso un goal come quello preso dal”vostro” Dida ed andare a vincere?
    Come mai non ti chiedi come una squadra di morti in piedi recuperi, passi in vantaggio, venga ripresa, trovi ancora la forza di fare un goal regolare,vederselo annullare e cercare ancora, riuscendoci, a segnare il goal della vittoria in casa di una delle squadre più forti d’Europa?
    Se le risposte a queste domande saranno solo “FORTUNA” allora capirai perchè in Europa non vincete mai

  8. Senti rimandiamo il discorso a fine anno, vediamo chi tra milan e inter vince qualcosa, e poi tiriamo le conclusioni.
    In quanto alla grande impresa del Bernabeu ( non so se si scrive cosi ), penso che il real abbia bisogno un po’ di tempo x essere definata SQUADRA, x ora ci sono dei grandi giocatori, che a volte fanno la differenza…e mercoledi ha dimostrato ciò che ho appena scritto, i grandi giocatori sono mancati del tutto …
    Onore e merito alle vostre Champions, anche se ritengo che l’Ultima è stata un gran colpo di ……… e i fatti l’ho dimostrano… siete una squadra mediocre con qualke buona individulità , che possono farvi vincere anche al Bernabue
    l’Inter è la champions , con mio dolore non si filano, ametto la mia invidia… ma sono certa che prima o poi filirà anche a noi, questa benedetta champions, speriamo di essere viva
    Buon pomeriggio

Lascia un commento